NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
28
Wed, Jun
56 Nuovi articoli


Siccità, ritardi nei pagamenti dei contributi e crisi economica non sembrano allentare la morsa. E la marcia dei trattori sulla Carlo Felice, con il blocco della statale all’altezza di Abbasanta, è la fotografia della disperazione delle campagne in forte sofferenza. Con agricoltori e pastori stremati dalle difficoltà


Sul fronte del lavoro gli ultimi sei mesi – ottobre/dicembre 2016 e gennaio/ marzo 2017 – sono stati particolarmente difficili per la Sardegna. L’ultimo rapporto trimestrale Istat è impietoso e preoccupante. Finita l’ubriacatura estiva con contratti di breve durata che hanno registrato l’impennata di 582.000 occupati


<<I chioschi sulle spiagge isolane possono restare aperti tutto l’anno, in attesa che i Comuni possano approvare il piano di utilizzo dei litorali>>. Così il consigliere regionale Edoardo Tocco (FI), che interviene sulla possibilità che i centri rivieraschi possano concedere le autorizzazioni agli operatori economici che intendano avviare una struttura ricettiva a pochi passi dalla battigia

Un supporto tecnico per il miglioramento della prevenzione sul territorio, il contributo di mezzi adeguati per arginare le fiamme e il rafforzamento delle dotazioni agli enti locali per l’organizzazione della stagione antincendio.  Sono le richieste del capogruppo regionale dell’Udc Gianluigi Rubiu, che ha indirizzato un’interrogazione all’assessore all’ambiente per sollecitare maggiori risorse per la campagna contro il fuoco

<<Le isole minori devono essere fornite dei servizi essenziali per i cittadini, viste le difficoltà nei collegamenti con il resto della Sardegna. L’istituzione della Casa della Salute a Carloforte, sull’Isola di San Pietro, è un traguardo fondamentale per i diversi bisogni di assistenza che non richiedono il ricorso all’ospedale>>

Confermata la visita nell’isola della Commissione d'inchiesta sugli infortuni sul lavoro. Dal 13 al 14 luglio due giorni di audizioni e sopralluoghi negli stabilimenti. “È un passo importante, un’occasione concreta per arrivare definitivamente ad un risultato atteso da anni: il riconoscimento dei diritti e dei benefici previsti dalla legge per i lavoratori delle industrie sarde, i petrolchimici in particolare, esposti all’amianto


<<E’ il solito copione già visto. Promesse, proclami e impegni per il futuro, senza che vengano trovate soluzioni alle vertenze irrisolte della Sardegna. Dai pullman ormai in stato di abbandono ai treni che sembrano delle vecchie locomotive. Senza poi dimenticare il costo di navi e aerei per attraversare il Tirreno>>

Altri articoli...