NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
16
Fri, Nov
33 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Nuovo ponte e polemiche. Il Comitato Porto Solki: esprimiamo stupore per essere stati etichettati come “irresponsabili”.

Politica Locale
Aspetto
Condividi

“Siamo stupiti per essere stati etichettati come degli “irresponsabili”. E' il commento affidato ad un comunicato dei responsabili del comitato Porto Solky dopo la critica del sindaco di Sant'Antioco Ignazio Locci in merito alla interrogazione alla camera del deputato cinquestelle Pino Cabras sulla realizzazione  del  nuovo ponte di accesso all'isola previsto nel “Piano Sulcis”.  “Ci si renderà conto –si legge nel comunicato- che i quesiti posti alla attenzione dei tre ministri, rispecchiano perfettamente il contenuto della delibera del consiglio comunale di Sant’Antioco”. Il comunicato poi prosegue ponendo l'attenzione sul fatto che le istanze proposte, recepite dalla stessa delibera consigliare e inserite nell’interrogazione parlamentare, hanno valenza territoriale “in quanto, si legge, riteniamo che un nuovo porto polifunzionale e la messa in sicurezza delle principali arterie stradali del Sulcis, possano contribuire ad un auspicato rilancio economico e occupazionale di tutto il territorio che è l'obiettivo del Piano Sulcis”. Infine, conclude il comunicato, Esprimiamo un certo stupore per essere stati etichettati come degli “irresponsabili”, in quanto il nostro contributo, senza nessun colore politico, frutto di anni di ricerche, studi e approfondimenti, ha avuto ed ha l’unico intento di divulgare una corretta informazione utile ad agevolare le scelte”.  Sicuramente il momento, a ridosso della riunione del Comitato superiore ai Lavori Pubblici che dovrà decidere se l'opera è un'opera utile e qindi fattibile o no, non è facile e semplice. Ed è questa la preoccupazione dell'amministrazione comunale cittadina. Di non trovare appunto una unità di intenti che possa far propendere la decisione del Comitato superiore ai Lavori Pubblici a fare una scelta che risponda alle esigenze di sviluppo economico e turistico  dei cittadini di Sant'Antioco. <Non possiamo accettare che si faccia strumentalizzazione politica su questo tema importantissimo per la comunità antiochense- ribadisce il sindaco Locci- Ci aspetta un confronto istituzionale e tecnico sul futuro dell’isola e di tutto abbiamo bisogno fuorché dei soliti comitati che seppure in buona fede, prestano il fianco a chi di Sant’Antìoco non conosce nemmeno l’esistenza. Difenderemo in ogni sede le determinazioni del nostro consiglio comunale, che con grande senso di responsabilità si è trovato a condividere una strada comune- conclude il sindaco- Abbiamo trovato in questo frangente poco rispettoso l’atteggiamento del comitato e lo ribadiamo>. La speranza è che la polemica scemi e che l'operazione di rimodulazione di quanto finnanziato possa proseguire in una unità di intenti per lo sviluppo del territorio.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna