NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Wed, Aug
32 Nuovi articoli

Cala Gonone. XXX Edizione Cala Gonone Jazz Festival 2017. Il quartetto di Stern e Brecker accende il pubblico in teatro

Spettacolo
Aspetto
Condividi
 


Trasognato e serafico il tramonto all’Acquario di Cala Gonone, il primo per questa XXX edizione e il merito non è solamente dei succulenti formaggi e vini dorgalesi, ma dei chitarristi Luigi Tessarollo e Roberto Taufic, introdotti da Antonio Ciacca (grande presentatore della giornata). Il duo è ormai collaudato da quindici anni di collaborazioni e l’incontro tra chitarra classica e jazz americana ha partorito commistioni che dagli antipodi del globo, colmano le distanze intrecciando tradizioni, culture ed espressioni musicali totalmente differenti rendendole originali e al contempo familiari.
Strepitoso e senza mezze misure il quartetto che nella serata di venerdì ha acceso il palco della XXX edizione del Cala Gonone Jazz Festival. Mike Stern, Randy Brecker, Teymur Phell al basso e Lenny White alla batteria, si sono cimentati in repertorio che ha fatto la storia del fusion, eseguendo brani di entrambi i compositori e variazioni sul tema che hanno lasciato a tutti i musicisti la possibilità di esibirsi anche in assoli che -per la gioia degli estimatori e dei presenti, parevano vere e proprie orchestre. Una nota di approvazione e lode, senza nulla togliere ai mostri sacri Brecker e Stern, va al basso ai sei corde di Phell, non solo accompagnamento bensì coprotagonista in un gioco di sovrapposizioni, scambi e confronti. Stesso discorso per White, potente e brillante nell’improvvisazione che ha saputo creare una rottura strabiliante durante i ritmi frenetici durante una serie di rimbalzi per un brano irripetibile e indimenticabile. Un ensemble rodato, ben assortito, sregolato, eppure fedelissimo ad una concezione di fare musica e utilizzarla come veicolo di significati e ideali. Non servono parole; le sfumature, il temperamento e la geniale sregolatezza danno accesso alla mente e allo spirito senza superflui intermediari.
Sabato 22 luglio primo spettacolo alle Grotte del Bue Marino con Luisa Cottifogli e il progetto multimediale Rumì “’E Rumì d’ Santa Mareja” un personaggio realmente esistito nel 1800 sulle strade della bassa romagnola, il mondo visto attraverso gli occhi di un’anima semplice e vagabonda. Il concerto sarà immerso in suggestive video-installazioni e antichi racconti, tra suoni contemporanei e parole di un mondo passato.
Si continua all’Acquario alle 19, dove vini, formaggi e pani tipici dorgalesi, si lasciano accompagnare in questo preludio alla sera da un trio di formazione sarda, con la mente viaggiatrice e il cuore sempre proiettato nell’isola. Gli SVM, dai nomi di Sanna, Vacca e Medde, presentano “The Ant” il loro nuovo lavoro in forma di concept album.
I big al Teatro Comunale (ore 21,30) non danno un momento di tregua e per la serata di sabato 22, il chitarrista Bill Frisell si esibirà in trio con Tony Scherr al basso e Kenny Wollesen alle percussioni. In questo primo sabato per i 30 anni del festival, la notte continua con altri due concerti. Abbiamo selezionato due meravigliosi eventi per concludere con stile questa serata e dalle 22,30 nella spiaggia centrale di Cala Gonone potrete assistere e godervi gratuitamente lo spettacolo della contrabbassista Linda Oh in quartetto e a seguire i Signs of Life, band tutta nostrana in un omaggio agli immortali Pink Floyd.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna