NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
30
Fri, Oct
39 Nuovi articoli

Carbonia. Intervista a Marco Mariotti nuovo allenatore della squadra mineraria (di Elio Sanchez)

Calcio
Aspetto
Condividi

Intervista a Marco Mariotti nuovo allenatore della squadra mineraria di Elio Sanchez. Nato a Treviso il 24 ottobre 1961, trasferitosi a Roma giovanissimo, Marco Mariotti è stato un calciatore di buon livello. Dopo il settore giovanile, vissuto nel Lazio, ha militato in formazioni laziali, toscane ed emiliane, tra le altre Casalotti, Frosinone, Spal, Civitavecchia, Viareggio e Fondi. Ha intrapreso la carriera di allenatore nel 1995, all’età di 33 anni, allenando nel settore giovanile del Frosinone fino al 2001. L’esordio nei Dilettanti con Pisoniano e Ferentino tra Eccellenza e Serie D, fino all’approdo tra i professionisti, stagione 2007-2008, sulla panchina dell’Arezzo, in serie C, come secondo di Luciano De Paola (ex calciatore del Cagliari). E’ stato poi secondo di Elio Gustinetti e Maurizio Sarri tra Ascoli e Grosseto. La carriera di Marco Mariotti è proseguita ancora tra i professionisti, come secondo nello Spezia ed a Lecce, in terza divisione. Ha allenato l’Under 18 della Ternana (perdendo lo scudetto ai calci di rigore contro il Torino) e, a quel punto, ha iniziato l’esperienza da primo allenatore in pianta stabile, guidando per tre stagioni la Nuorese in serie D e conseguendo il patentino Uefa Pro. Ha vinto i play off con l’Albalonga in serie D ed è stato poi chiamato prima alla guida del Monterosi e poi alla Torres, sempre in serie D. Con la squadra sassarese ha chiuso la stagione, al momento dell’interruzione del campionato per la pandemia da Covid-19, al terzo posto, con 51 punti, dietro la Turris e l’Ostia Mare.

09 23 intervista all carbonia mariotti webL'intervista

- Domenica incontrerete subito alla prima giornata la sua ex squadra, come si sente?

- Io bene, per fortuna la salute sta bene. E' sempre un piacere, ho passato un anno bellissimo a Sassari, sia per come mi ha accolto sia la società, sia i tifosi. E' stato un anno positivissimo sotto tutti i punti di vista. Perciò sarà con grande piacere che rivedrò quelle magliette. Ormai questo è l'undicesimo campionato di serie D che faccio quindi è facile incontrare mie ex squadre. 

 

- Una squadra molto giovane, come mai questa decisione di puntare molto sui giovani?
- Prima di tutto per dare un senso ad un progetto, perché coi giovani tu puoi costruire un progetto e poi per stare in un budget, limitato rispetto a tante altre squadre, perciò gli investimenti che facciamo ci dà la possibilità di rientrare nel budget e di dare una programmazione al lavoro.

- Crede che un girone come quello di quest'anno sia molto difficile dal punto di vista delle trasferte?
- Sicuranente è un girone tosto con trasferte impegnative e lontane, se noi guardiamo in Campania ci sono squadre come il Savoia, la Nocerina che hanno una loro storia e sono ben organizzate e poi il fatto ambientale è ancora più importante. Nel lazio invece c'è Monterosi che è arrivato secondo l'anno scorso dietro il Grosseto, il Latina. Anche in Sardegna ci sono delle ottime squadre, Latte dolce su tutte, Torres e Muravera, perciò abbiamo già nominato 7/8 squadre che si giocheranno il campionato.

- Obiettivo di quest'anno?
- Sicuramente la salvezza, il Carbonia è ormai 30 anni che non partecipava più ad un campionato di D, perciò è un lasso di tempo importante, un'era, c'è da ricostruire tutto insomma. Tutti i punti avranno una grossa importanza.

- Crede che l'eliminazione per quest'anno della Coppa Italia sia più semplice salvarsi?
- Ma no, io penso che più si gioca, meglio è, perciò è molto importante. Perciò se tu annulli una competizione come quella della Coppa Italia sia una perdita per noi che amiamo questo sport.

Elio Sanchez

 

 

nella foto del titolo  Mister Marco Mariotti col nuovo Direttore Sportivo Andrea Colombino- Pagina ufficile carbonia Calcio

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna