NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
21
Mon, Aug
28 Nuovi articoli

Domusnovas. Bomba artigianale esplode su auto sindaco

Stampa Locale
Aspetto
Condividi


Ancora amministratori pubblici della Sardegna vittime di minacce e intimidazioni. Nel mirino questa volta è finito il sindaco di Domusnovas, nel Sulcis, Massimiliano Ventura, eletto a maggio dello scorso anno. Qualcuno nella notte ha fatto esplodere un ordigno artigianale sulla Ford Fiesta intestata alla moglie, ma utilizzata dal primo cittadino, parcheggiata a pochi metri dall'abitazione in via Garibaldi. La deflagrazione, avvenuta all'1.10, ha danneggiato la vettura e la porta di una casa vicina, ed è stata avvertita distintamente dalla moglie che ha così dato l'allarme. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Domusnovas e del Nucleo operativo della Compagnia di Iglesias, ora impegnati nelle indagini. "Se pensavano di farmi dimettere con questo gesto hanno solo rafforzato la volontà di rimanere al mio posto - dice all'ANSA il sindaco - adesso ho capito come stanno i sindaci vittime di questi episodi. E' un atto inspiegabile solo dopo nove mesi di amministrazione". Nove mesi in cui al primo cittadino, secondo quanto da lui stesso dichiarato, sono arrivate numerose minacce e messaggi di intimidazione. "Dopo dieci giorni dalle elezioni - racconta Ventura - mi è arrivata la prima lettera anonima, poi ne sono arrivate altre". L'ultima è stata recapita in Comune a dicembre: gli veniva intimato di dimettersi. "Io ho fatto finta di nulla e sono andato avanti, poi ieri notte quest'ultima l'intimidazione. Non riesco a capire a che cosa possa essere ricollegato il gesto, di sicuro - spiega il sindaco - è stata una campagna elettorale difficile con un clima avvelenato, che forse sta proseguendo". 


ANSA

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna