NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
16
Sun, Dec
38 Nuovi articoli

Cagliari. Alessandra Zedda (Capogruppo Forza Italia) su nomine e nuovi incarichi nella sanità isolana

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

<<La sanità sarda allo sfascio, in ATS regna il caos, si riducono i servizi nei territori e la qualità dell’assistenza, mentre si mantengono posizioni di privilegio trascurando il forte malcontento che serpeggia tra i lavoratori demotivati a causa delle ormai croniche carenze negli organici e delle grosse difficoltà cui devono far fronte i cittadini per poter accedere ai servizi sanitari. Disservizi e lunghe liste d’attesa sono il corollario di un sistema che non riesce a garantire prestazioni di qualità>>. Criticità più volte segnalate dalla capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Alessandra Zedda, che denuncia <<come l’ATS non è nient’altro che un mero contenitore delle vecchie Asl, dove regna la lottizzazione politica>>. Di più: <<Con il riordino della rete ospedaliera, “capolavoro” della Giunta targata centrosinistra, non si è ottenuto certamente un miglioramento dei servizi per i cittadini e una riduzione della spesa sanitaria, ma tutt’altro – continua la leader degli azzurri - Ad oggi, i risultati sono sotto gli occhi di tutti: protestano i sindacati, le associazioni e i cittadini riuniti in numerosi comitati contro lo smantellamento dei servizi sanitari nei territori>>. Un disastro annunciato, insomma per la Zedda che si sofferma anche sulla mancata volontà dell’attuale Giunta targata Pigliaru - Arru di voler costruire precorsi di confronto condiviso <<finalizzati a garantire il mantenimento e il miglioramento dei servizi e la tutela e migliori condizioni di lavoro per gli operatori, costretti a subire sulla propria pelle trasferimenti di reparto, accorpamenti, mobilità da un’azienda ad un’altra (vedasi il trasferimento della Neurochirurgia dall’ospedale Marino al Brotzu) senza tener conto delle condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori>>. Niente sconti dai forzisti, con una bocciatura tutto campo: <<L’assessore Arru e il Direttore Generale, il “continentale” Moirano, hanno distrutto la sanità sarda. Assistiamo, infatti, al progressivo decadimento della qualità delle prestazioni dovute al caos organizzativo e alla carenza negli organici (medici, infermieri, Operatori tecnici) – prosegue Zedda - Un assessore e un “super manager” (cosi era stato presentato) che di fatto hanno perso di vista la vera mission dell’Azienda Sanitaria, ovvero quello di garantire una sanità di qualità ai sardi e dignitose condizioni ai professionisti che ci lavorano con grande senso di responsabilità, sobbarcandosi carenze strutturali e organizzative, ma che di certo, non hanno perso di vista, quella che nella prima repubblica veniva definito “spoils system” che ha portato l’attuale Giunta a conferire ben ventiquattro incarichi per la direzione di strutture complesse, altri venti ruoli per i servizi dei dipartimenti di prevenzione, senza le gare per le agenzie interinali e gli appalti per alcuni servizi che non hanno di certo avuto un occhio di riguardo per le imprese sarde>>. L’affondo è chiaro: <<Mentre qualcuno si “pavoneggia” sull’elisoccorso presentato ai sardi come la panacea di tutti i mali, in attesa di conoscere costi e tipologia di interventi, assistiamo alla chiusura dei servizi nei territori e al progressivo ridimensionamento di importanti presidi ospedalieri, quali il Marino di Cagliari (trasferimento della neurochirugia e chiusura dell’ambulatorio gastroenterologia), del Binaghi (con lo smantellamento del Centro sclerosi multipla), il San Marcellino di Muravera e Isili, tanto per citarne alcuni – conclude Zedda - L’auspicio è che gli attori di questo disastro, abbiano un sussulto di dignità verso il popolo sardo, rassegnando immediatamente le dimissioni. Ci aspetta un compito difficilissimo: ridare ai sardi una sanità d’eccellenza, migliorando i servizi per i cittadini e, garantendo diritti e dignitose condizioni di lavoro per gli operatori sanitari>>.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna