NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
18
Tue, Dec
33 Nuovi articoli

Cagliari. Interrogazione Cesare MORICONI, su situazione degli appalti per opere pubbliche gestiti dall’ANAS.

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

La Giunta regionale vigili su ANAS e informi il Consiglio regionale e i Sindaci sullo stato di attuazione delle singole convenzioni che riguardano le infrastrutture viarie della Sardegna. Il consigliere regionale Cesare Moriconi ha presentato oggi, come primo firmatario, un’interrogazione all’assessore dei lavori pubblici per conoscere, considerati gli incredibili disagi e i disservizi derivanti da una gestione inadeguata della rete stradale ad opera di ANAS, l’ammontare dei finanziamenti affidati, alla stessa azienda, per progettazioni, manutenzioni e nuove opere viarie da realizzarsi in Sardegna, il loro stato di attuazione dettagliato per ciascuna delle convenzioni in essere.
L’interrogazione, nel ribadire, come affermato in altre numerose e precedenti iniziative dello stesso consigliere regionale, che l’attuale e inadatta gestione ANAS è generatrice di gravi ripercussioni di carattere economico e sociale, oltre che causa di precarie condizioni per la sicurezza degli automobilisti in tantissime delle strade dell’isola affidate in gestione alla stessa azienda, ha la finalità di conoscere non soltanto il valore finanziario complessivo dei lavori incaricati, ma anche i termini entro i quali verranno assolti gli impegni contenuti in ciascuna delle convenzioni stipulate.
“E’ inaccettabile – dichiara Moriconi - la lentezza e l’incertezza che sta dietro ogni opera di ANAS, in un settore nevralgico come quello delle infrastrutture viarie dove la Sardegna registra un ritardo epocale e il clamoroso primato negativo dell’opera più lenta al mondo, manco a dirlo firmato proprio da ANAS, denunciato nel 2016 dalla Corte dei Conti che ha calcolato, sul lotto numero 1 della SS 131, una velocità realizzativa pari a 5 millimetri al giorno e costi superiori di oltre il 60% rispetto a quelli previsti!!!”
“Occorre scongiurare – continua Moriconi – che sull’imponente volume di finanziamenti e lavori già programmati sulle strade sarde, si verifichino altre vergogne simili. Per questo la Giunta regionale deve vigilare sullo stato di attuazione delle singole convenzioni che impegnano ANAS in Sardegna, informandone il Consiglio regionale e i Sindaci di volta in volta interessati.”
Serve comunicare i tempi certi entro i quali opere fondamentali come la SS 195 che collega Pula con Cagliari, o la stessa SS 131, vedranno finalmente chiudere i loro eterni cantieri conclude Moriconi - così come è necessario chiarire i tempi di progettazione e realizzazione delle nuove opere viarie, tra le quali quelle incluse nel Patto per il Sud che annovera interventi attesissimi come gli 80 milioni per la connessione tra la SS 554 e la nuova SS 554 (superamento del “tappo” di Gannì); i 35,2 milioni per il collegamento Burcei-Maracalagoni-SS125; i 30 milioni per eliminazione degli incroci a raso della SS 554; i 30 milioni per il completamento della SS 195 con la SS 130 (lotto 2); i 90 milioni della circonvallazione Olbia; i 46,8 per la SS 128 al bivio Monastir-Senorbì; i 60 milioni per la circonvallazione Tempio; i 50 milioni per la SS 130 sulla tratta Cagliari-Decimo e diversi altri lavori stradali rispetto ai quali occorre tenere altissima la guardia”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna