NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
26
Wed, Feb
36 Nuovi articoli

Iglesias. I Siti minerari rimangono al Comune

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Nel corso del tavolo d’incontro tra l’Amministrazione Regionale, il Comune di Iglesias e la Società IGEA SpA, prontamente convocato lunedì 3 febbraio presso l’Assessorato dell’Industria della Regione Sardegna, sono prevalse le ragioni esposte dall’Amministrazione Comunale, circa il contratto di comodato d’uso dei siti minerari nel Comune di Iglesias.

Di seguito, l’Assessorato Regionale dell’Industria ha reso pubblica una nota nella quale si ribadisce la piena responsabilità del Comune di Iglesias nella gestione dei siti e nelle questioni inerenti la sicurezza, già affrontate in sede di conferenza di servizi e confortate dal parere positivo degli Enti preposti, tra i quali non risulta compresa la Società IGEA, alla quale sono state riperimetrate le concessioni minerarie escludendo la competenza della Società nella gestione dei siti interessati dalle attività turistiche.
La nota si conclude invitando le parti a proseguire nel rapporto contrattuale, al fine di dare continuità alle attività turistiche nei siti in questione.
La Regione sottolinea come le motivazioni addotte da IGEA non trovino riscontro nei contratti di comodato d’uso, che anzi esplicitano – nell’art. 5 – le responsabilità di IGEA nella manutenzione ordinaria e straordinaria dei siti minerari, per i quali, il Piano di gestione adottato dalla Giunta Regionale, assegna alla Società 1.200.000,00 euro l’anno.


“E’ la conferma di quanto sostenuto fin dall’inizio”, ha detto il Sindaco Mauro Usai.
“Si poteva evitare questa figuraccia? Sicuramente si.
E’ ora che la Società IGEA faccia quello per cui è nata e per cui i cittadini sardi la pagano. Da troppo tempo IGEA si comporta come se fosse una repubblica autonoma, manifestando atteggiamenti poco costruttivi per quanto riguarda il rilancio e la valorizzazione delle aree ex minerarie.
La cosa più sconcertante, è stata quella di apprendere che, tra tutti i contratti che riguardano i siti minerari, gli unici contestati da IGEA sono quelli che riguardano il Comune di Iglesias, a riprova di come questa contestazione scomposta e immotivata sia solo una ripicca a seguito dei passi doverosi che l’Amministrazione Comunale ha dovuto intraprendere nei confronti della Società, al fine di tutelare la sicurezza dei cittadini e del territorio”.

“In qualità di Presidente della Commissione di Indagine del Comune di Iglesias, sulle aree minerarie dismesse – ha spiegato la Consigliera Comunale Valentina Pistis – ho avuto modo di sentire l’Assessore Regionale dell’Ambiente e quello dei Lavori Pubblici.
Sarà mia cura sentire nei prossimi giorni l’Assessore Regionale dell’Industria, e contestualmente chiederò, ancora una volta, l’audizione del Dott. Caria, Amministratore Unico di IGEA, che fino a questo momento si è sottratto al confronto.
IGEA ha un ruolo fondamentale per lo sviluppo del nostro territorio, solo se si uniscono le forze tra gli Enti, con autorevolezza e programmazione, possiamo invertire la tendenza”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna