NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
22
Sun, Apr
37 Nuovi articoli

Meteo delle feste. Gli auguri e lo stremo della umana sopportazione

Ritagli
Aspetto
Condividi

Siamo stati allo stremo della umana sopportazione. Una settimana intera di saluti e auguri del nulla cosmico annuale perpetuato con un che di scaramantico e propiziatorio, ben consapevoli che contro la sfiga nulla può neanche il più sincero augurio. Il “a te e famiglia” è diventato un mantra. L’interiezione è ripetuta così frequentemente da sembrare più un eufemismo del ben più noto “vai a quel paese”, che è spesso anche più sincero.
Fenomeno nuovo, per queste feste è stato l’augurio per l’antivigilia e per la vigilia di ogni celebrazione. Tanto che nei 7350 gruppi whatsapp, nelle numerose e improbabili amicizie social, era tutto un augurare, ringraziare e ricambiare a suon di immagini e jingle. L’inventiva dei “Post-inventori”, cioè di quelli che, di mestiere non fanno una mazza, ma come elaboratori di minchiate sono il Genio, si sono profusi in ogni tipo di augurio animato che puntualmente intasa le memorie dei cellulari. Per chi non è pratico delle tecnologie all’ultimo grido, manualmente, o meglio, digitalmente deve eliminare uno a uno tutti ‘sti mirabolanti auguri preconfezionati e originali quanto le rime nei diari alle medie.
Per fortuna, ancora pochi scampoli e ci siamo. Fino a Pasqua godremo di una relativa tranquillità.
Forse!
Se si è uomini questo è vero, se si è donne si avvicina una ricorrenza che è diventata un tormento. Ora il Genio, archiviato il Natale e l’anno nuovo, si dedica al confezionamento di Post semi-seri/acidi/goliardici/velenosi verso l’Epifania. Sarà il tripudio del maschilismo becero, della perfidia femminile verso lo stesso sesso, si sprecherà ingegno per deridere e sbeffeggiare la donna sfatta, disordinata. La donna dal canto suo tirerà fuori costumini vagamente o esplicitamente sadomaso e abbastanza hot da confermare, sottolineare che “no, non siamo sciatte, anzi, siamo bocconcini niente male” e così, le consumistiche e dolci feste natalizie, si chiuderanno con un abile colpo di scopa e lo sculettio della procace Milf/Befanona nostra.
…dimenticavo…
Buon anno!


Claudia Serra

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna