NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
24
Thu, May

Carloforte. Manifestazioni per ricordare lo sterminio dei 15 milioni ebrei

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Mai come quest’anno a Carloforte le manifestazioni per ricordare lo sterminio dei 15 milioni ebrei sono state così ricche e intense. Proiezioni di film, documentari, mostre e conferenze hanno caratterizzato quest’ultima settimana di gennaio. A farsi promotore di tutte queste celebrazioni l’assessorato alla cultura del Comune di Carloforte con la collaborazione delle associazioni culturali “Bötti du Shcöggiu” e “saphyrina” ma con l’edificante partecipazione attiva degli studenti delle scuole medie. La rassegna ha preso il via lunedì scorso con l’apertura di una mostra sull’Olocausto curata dall’ ANED (Associazione Nazionale ex Deportati). Martedì mattina c’è stata la proiezione per gli studenti della scuola media del film Corri ragazzo corri, tratto dall’omonimo romanzo di Uri Orlev che narra le tante vicissitudini patite da un giovane ebreo per sfuggire ai campi di concentramento. Al film ha fatto seguito nel pomeriggio sempre per gli stessi studenti la proiezione del documentario “Per non dimenticare” Altri due documentari imperniati sulla tremenda persecuzione subita dagli ebrei sono stati proiettati in questi giorni per gli studenti delle scuole superiori. Nel framezzo per tutti lo spettacolo teatrale “Anime resilienti” un adattamento di altri lavori tra i quali quello di Modesto Melis “L’anima degli offesi” per la regia di Susanna Mannelli. Per tutti, studenti e non la visione de “Il pianista” film di Roman Polanski tratto dal lavoro autobiografico del pianista ebreo polacco Wladyslaw Szpilman. Per il 27, Giornata della Memoria i ragazzi della scuola media hanno preparato coadiuvati dai loro insegnanti canti ebraici e proiezioni di foto e pensieri. Il tutto intervallato dalla conferenza del prof. Lorenzo di Biase autore di un libro che ricorda la storia del ghetto di Terezin che fu un centro di raccolta e di smistamento degli ebrei verso i campi di concentramento. Tutto quanto, ancora una volta, per non dimenticare.– e mi fa piacere ritrovare lo stesso entusiasmo e la stessa passione, una grande soddisfazione che fa bene al cuore.

Nicolo Capriata

Sulcis Iglesiente Oggi