NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Tue, Jan

Carloforte. Fino a Capodanno si viaggia per l’isola con tre euro

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi


Prima lo sconto era solo limitato ai fine settimana, ma dal 7 dicembre e fino a Capodanno è diventato quotidiano. Tutti i passeggeri non residenti pagheranno 3 euro il biglietto andata e ritorno sui traghetti che collegano Carloforte all’isola madre e se avranno auto al seguito, non importa se una piccola 600 o una Volkswagen Phaeton che è lunga più di cinque metri, pagheranno per il loro traghettamento (sempre andata e ritorno) 12 euro, sia sulla linea di Calasetta che su quella di Portovesme. Questo tariffario è stato possibile grazie alla “Legge di stabilità 2017” con la quale la Regione ha stanziato 330.000 euro per limitare il costo dei biglietti per chi non è residente nelle isole minori sarde. È sicuramente uno sconto importante (soprattutto per i carlofortini non residenti) perché abbatte il costo del biglietto di quasi il 50%.
Intanto il “Contributo di sbarco”, altra importante novità sui trasporti isolani, è stato ufficialmente istituito con una deliberazione che il Consiglio Comunale ha assunto all’inizio del mese. Il “Contributo di sbarco”, che è in sostanza una tassa di passaggio, la quale andrà ad incrementare in modo consistente le casse comunali, entrerà in vigore a partire da marzo del prossimo anno. Ciò per dare modo e tempo per espletare le pratiche relative all’esenzione del “contributo di sbarco” ai tanti utenti che ne sono dispensati, il regolamento che è stato adottato prevede, infatti, un’ampia casistica per l’esonero di tale pagamento.

Nicolo Capriata

Sulcis Iglesiente Oggi