NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
24
Fri, Nov

Iglesias. Presentato al Centro Culturale il Dicionariu Desulesu. Lo studio della lingua per riscoprire le proprie origini

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Amore per le proprie origini, curiosità e scoperta della propria lingua e cultura. Sono questi i motivi che hanno spinto alla scrittura del “Dicionariu Desulesu – vocabolario e ricerca linguistica sulla parlata di Desulo” da parte di Basilio Floris. Il dizionario è stato presentato nella sera del 20 ottobre al Centro culturale di Iglesias. La serata, introdotta dal vicesindaco Simone Franceschi, è stata patrocinata dal comune di Iglesias, in collaborazione con l’editore Domus de Janas, e voluta dal centro iniziative culturali ARCI- Iglesias, rappresentato da Andrea Mannu che ha coordinato la serata. Ha partecipato al dibattito anche Paolo Pillonca, professore e giornalista, e infine l’autore Basilio Floris, professore di veterinaria all’università di Sassari, che ha lavorato per vent’anni a questo progetto per pura passione. Il dizionario è un lavoro monumentale e scientifico, la cui struttura comprende una parte generale che parla di Desulo, una parte riguardante rari scritti letterari desulesi (rari per via della tradizione agro-pastorale del paese e, quindi, orale), e oltre 26.000 vocaboli con fonetica, esempi e sinonimi. Palare della “lingua” di una specifica zona significa anche parlare della storia e della geografia di un popolo, un popolo in questo caso agro-pastorale e dedito alla transumanza e di conseguenza abituato agli spostamenti per fini lavorativi. Soprattutto questi fini hanno contribuito alla formazione del lessico del dialetto desulese, che è costituito da diverse influenze, essendo venuto a contatto con popoli e dialetti differenti. La fonetica, in particole, è stata analizzata da Floris mettendo in evidenza anche le parole che risultano “doppie” per essere pronunciate in maniera diversa (a causa per esempio di fenomeni quali la palatizzazione della “c” o l’aferesi). Questo ha creato non poche difficoltà nelle trasposizioni ortografiche, tuttavia abilmente risolte dall’autore. Nonostante la scientificità dell’opera non si tratta di un argomento riservato agli specialisti in materia e non è solo per appassionati. Iglesias ha catalizzato una gran presenza di desulesi al di fuori del paese e il libro è stato quindi scritto soprattutto per passione, per il desidero di far ricollegare il filo delle proprie radici anche a coloro che vivono lontano dal proprio paese.

Giulia Loi

Sulcis Iglesiente Oggi