NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
30
Fri, Oct

DIALOGO SUI MINIMI SISTEM. Il diario di Giada. IN CAMPAGNA

RACCONTI E POESIE ì
Aspetto
Condividi

Il diario di Giada. IN CAMPAGNA

Tocca partamì a bingia ca si feusu nu giritteddu, ca sèu de mera chi non bau.
Aui boisi andai o babbu

Portamì a Bega Trotta a sa bingia nosta
Andàusu, de aundi passàusu?

Brintausu de su mor’e Triga e ‘ndi besseusu de su mori ‘e Maccioni. E te tottu anti fabbricau, non d’appu mancu conòsciru su mor’e Triga
E babbo è che il paese cresce e c’è bisogno di molte case.

Aressi, a mei mi pariri chi c’esti sa propriu popolazioni de sessant’annu fairi: po ‘na curiosirar, castia in cussu dimoni’e telefunu chi tenisi tui, ca c’esti scrittu de tottu, cant’esti sa differenzia….
Adesso guardo ….. eh nel 1961 eravamo, anzi eravate circa 11.000 abitanti

E i’ mo’?
Beh, circa 11.500 abitanti….

Sicchè po 500 in prusu Sant’Antiògu è bessia assumancusu a quattru bortas tantisi pru manna…Bo!
Le esigenze sono cambiate e is comorirarisi prajinti a tottusu E magari non avevate neanche la televisione

E te c’ ìntrara! Fustisi fueddendi de domusu… labai e custa eti esti?
Una villa babbo,

Una villa !? ma inoi non si poriri fabbricai nudda in custu terrenusu
Eh babbo e tui non esta fabbricau sa domijedda..?

Ma e te sesi narendi, cussa fu sa domijedda po s’arau e po tottusu is cosasa chi serbinti po s’agricoltura. Cess te cosa leggia e comenti anti fattu sene permissu
E’ un abuso edilizio, babbo

E non s’indi funti accattausu?
Non s’ind’antessi accattausu

Là, n’atra inguni puru, cess è prenu..
Ecco, arrivati.

Ebè? E cust’atra cosa e te dimoniu esti?
Eh babbo abbiamo le fondamenta…. per una casettina… sai al wee-end…. Pecc’e procceddu arrustiu, nu pagu de giarrettu 

Sene permissu!
Lo fanno tutti e poi in Comune non se ne sono accorti

Ma m’indi seu accattau deu e mo de du sciusciasa…, ca deu non bollu chi sa terra mia, de babbu mio e de iaiu miu siara arrovinara de su sciumentu, si nuncasa ti pigu a punter’e peisi a fund’e schina… ti dongu deu su uichhè

Giada