NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
16
Fri, Nov
33 Nuovi articoli

Cagliari. Droga, 20 condanne e 17 pene patteggiate. Chiuso a Cagliari il giudizio abbreviato nato dall'operazione Calesse, due gli imputati assolti

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

Venti condanne, 17 pene patteggiate e due assoluzioni: si è chiuso così il primo grado del giudizio abbreviato nato dall’operazione Calesse, una colossale indagine dei carabinieri che portò nel maggio del 2016 all’arresto di decine di persone tra Cagliari, Carbonia, Sassari, Quartu Sant’Elena, San Gavino, Carloforte, Elmas e altri centri dell’isola con l’accusa di aver messo in piedi e sviluppato un articolatissimo traffico di cocaina, eroina e hashish con collegamenti in Olanda e un’attività di spaccio diffusa in buona parte della Sardegna. È stato il giudice Gabriella Muscas a leggere ieri mattina il complesso dispositivo della sentenza, una decisione che conferma in parte l’impianto accusatorio della Dda ma esclude per tutti gli imputati il reato di associazione a delinquere, oltre a disporre numerose assoluzioni per alcuni dei capi d’imputazione. Alla base del procedimento un lungo lavoro d’inchiesta condotto dai carabinieri con intercettazioni telefoniche e ambientali, pedinamenti e relazioni di servizio nell’arco di quasi due anni, sufficienti per mettere in luce i ruoli svolti dagli indagati e le responsabilità penali. Il lavoro investigativo aveva portato all'individuazione di quattro gruppi criminali, il primo composto da una famiglia di cagliaritani che si è trasferita in Olanda e che avrebbe rifornito di eroina, cocaina e pasticche la piazza del capoluogo. Il secondo gruppo era capeggiato - secondo l'accusa - da Giovanni Vacca, esponente di spicco dello spaccio di droga nel quartiere cagliaritano di Is Mirrionis, che avrebbe rifornito di eroina Cagliari, San Gavino, Carbonia e Carloforte. Il terzo gruppo era diretto dai fratelli Giuseppe e Maurizio Argiolas, entrambi di Monserrato, i quali avrebbero avuto un diretto contatto con gli olandesi dai quali importavamo in particolare le pasticche di ecstasy.
L'ultimo gruppo era diretto da Fausto Cadelano e Marco Pezzi che operavano a Pirri ed erano specializzati nello spaccio di hashish.
fonte la Nuova Sardegna

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna