NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
15
Thu, Nov
24 Nuovi articoli

Cagliari. Lutto per la cultura sarda. Addio a Paolo Pillonca

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

Voce potente della cultura sarda di cui è stato profondo e appassionato cultore, Paolo Pillonca, giornalista, scrittore, poeta, intellettuale a tutto tondo, è morto durante la notte, a seguito di una breve malattia. Si è spento a Cagliari, città nella quale da tempo viveva. Nato a Osilo nel 1942, cresciuto tra Seui e Arzana, luoghi della sua anima e della sua ispirazione artistica, si laureò in lettere classiche, dopo una rigorosa formazione salesiana. Fu prima insegnante, poi giornalista. È stato responsabile della redazione nuorese de L'Unione Sarda negli anni '70, cronista lucido e puntuale degli anni del banditismo e dei grandi processi. Gli piaceva sottolineare di aver sempre dato uguale rilievo alle condanne e alle assoluzioni. Dall'incontro con Mario Melis la decisione di lasciare il giornale e diventare capo ufficio stampa della Regione, incarico mantenuto sino alla pensione. È stato instancabile ricercatore e cultore della poesia sarda, il più grande conoscitore dei poeti estemporanei e a tavolino degli ultimo cento anni. Di sé scriveva di essere stato impegnato sin da bambino a scoprire il mistero della poesia che fiorisce nelle labbra de sos cantadores. 

Biografo e amico strettissimo del più grande degli improvvisatori, Remundu Piras di Villanova Monteleone, è stato a sua volta poeta e scrittore, anche di prosa. Autore di innumerevoli saggi, fu anche protagonista di un fortunato sodalizio artistico con Piero Marras, con cui scrisse canzoni profonde e dolcissime.
Presidente e giurato di innumerevoli premi di poesia, ha intrattenuto relazioni intense, fertili di arte e pensiero, con i più grandi intellettuali sardi del Dopoguerra: dal già citato Mario Melis a Cicitu Masala, Eliseo Spiga, Nereide Rudas, Bachisio Bandinu e molti altri Paolo Pillonca non c'è più, ma lascia alla Sardegna un'eredità di studi preziosa e immortale, l'eco instancabile e inesausta dell'amore per la terra natale che guidò la sua professione, la sua arte e la sua vita.
di Manuela Arca fonte (Unioneonline/s.s.)- foto US

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna