NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
26
Wed, Feb
36 Nuovi articoli

Roma. Sider Alloys: si stringe sull'energia. Nuovo vertice al Mise per far ripartire stabilimento

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

Ancora due, tre settimane al massimo per arrivare al contratto definitivo sulla fornitura dell'energia da cui dipende il riavvio dello stabilimento ex Alcoa di Portovesme, ora di proprietà della multinazionale Sider Alloys. Si apprendono i dettagli del tavolo convocato al Mise sull'azienda del Sulcis, presieduto dalla sottosegretaria Alessandra Todde e al quale hanno partecipato l'azienda, Enel, la Regione Sardegna e i sindacati. Ancora da sciogliere, dunque, il nodo legato al prezzo dell'energia. Un accordo esiste già: un costo intorno ai 28-29 euro, inferiore rispetto ai valori di mercato pari a 53-54 euro.

Ma lo sconto considerevole ha un prezzo: Enel chiede a Sider Alloys 94 milioni di euro a titolo di fideiussione e garanzia. Nei prossimi giorni una soluzione potrebbe essere raggiunta grazie all'intervento del governo e di Invitalia. Anche oggi, d'altra parte, Alessandra Todde ha evidenziato che "il presidio industriale di Portovesme rappresenta un sito strategico dell'alluminio primario per il Paese", e ha ribadito di "non aver mai messo in discussione il progetto".

Per l'assessora del Lavoro Alessandra Zedda l'incontro rappresenta "un significativo passo in avanti nella vertenza: abbiamo ottenuto l'impegno da parte del governo per una accelerazione definitiva che consenta il riavvio in tempi brevi dello stabilimento e la messa in sicurezza dell'occupazione. Continueremo a vigilare perché gli impegni vengano mantenuti". Presente anche la responsabile dell'Industria, Anita Pili. "È determinante definire un prezzo equo dell'energia per consentire la ripresa delle attività dello stabilimento", ha ribadito. Tuttavia, rimane ancora necessario il sostegno degli ammortizzatori sociali, per i quali è stato programmato per il 31 gennaio un incontro al ministero del Lavoro per stabilire le procedure per la proroga della Cig.

fonte ANSA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna