NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
19
Wed, Dec
29 Nuovi articoli

Cagliari. Decentramento INPS. ( Cisl ) La protesta deve ripartire. Ganau convoca le parti

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Il Presidente del Consiglio regionale on. Gianfranco Ganau, ha convocato sindaci, forze sociali, presidenti dei comitati provinciali INPS e parlamentari per rimettere in discussione il piano di decentramento territoriale delle sedi della Previdenza sociale in Sardegna. E’ il secondo incontro che si dedica a questo argomento. Il primo è stato fatto il 10 ottobre scorso, quando il Presidente Ganau, facendosi interprete delle proteste delle organizzazioni sindacali, dei sindaci e dei capigruppo consiliari, ha scritto al Ministro Luigi Di Maio per chiedere la sospensione immediata del piano di decentramento territoriale delle sedi INPS, che, se applicato, trasformerebbe in “punti Inps” le attuali agenzie di Isili-Senorbì, Tempio, Alghero, Ozieri, Ghilarza, Sorgono, Siniscola, Macomer, col possibile ridimensionamento di quelle di Assemini, Carbonia e Lanusei.

Il Ministero del Lavoro ha risposto a quella lettera con la conferma, in pratica, del piano di decentramento territoriale delle sedi INPS in Sardegna. Per questo, secondo la FNP CISL, si deve passare dall’azione burocratica e dallo scambio di lettere a un’iniziativa più politica nei confronti dell’INPS, anche accompagnata da proteste efficaci. Spero che si decida in questo senso nell’incontro di lunedì 3 dicembre.

L’importante è sospendere immediatamente il decentramento voluto dall’INPS, aprire una trattativa con l’Istituto Previdenziale, con il Ministero non nel ruolo di spettatore quasi passivo come ha fatto questa volta, ma di “amministrazione vigilante” in grado di armonizzare “i risparmi” cercati dall’INPS con i diritti dei cittadini, soprattutto anziani, di poter raggiungere senza disagi sedi e sportelli INPS.

Questa volta il Ministro del Lavoro ha fatto da passacarte, decidendo di non decidere. Infatti, il Capo di Gabinetto del Ministro Luigi Di Maio ha girato al Presidente del Consiglio regionale della Sardegna la risposta del Direttore generale dell’INPS, cioè dello stesso organismo che ha predisposto la riorganizzazione sarda dell’INPS, che ha confermato, ovviamente, in pieno il programma di tagli e ridimensionamenti programmati dall’Ente di Previdenza.

La lettera del Presidente Ganau al Ministro era il segnale, non capito dal Ministro, che il decentramento INPS deve essere calibrato sulle specificità e le situazioni della Sardegna.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna