NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
16
Sun, Dec
38 Nuovi articoli

Cagliari. Lancioni (Psd'Az) vigneti distrutti nel Basso Campidano

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

<<L’ultima tempesta, con un fenomeno simile ad un ciclone che ha imperversato nella zona tra Ussana e Monastir, si è verificata lo scorso 13 settembre, con la distruzione di una grande fetta della produzione enologica del territorio e la devastazione di interi vigneti, la compromissione degli oliveti e danni ingenti alle ortive sparse nella zona>>. E’ la drammatica istantanea del consigliere regionale Nanni Lancioni (Psd’Az), che ha perlustrato le campagne del Basso Campidano per stilare un elenco dei danni prodotti dalle anomalie climatiche dell’ultima stagione estiva. L’esponente sardista ha sollecitato un intervento urgente della Regione, con la dichiarazione dello stato di calamità naturale per il compendio. <<Nei poderi tra Ussana, Donori e Monastir la situazione è a dir poco critica. Le piogge degli ultimi mesi sono state il colpo di grazia per molte colture – aggiunge Lancioni, che ha firmato il documento con il capogruppo dei quattro mori Gaetano Ledda e con gli altri componenti del sodalizio Giovanni Satta e Paolo Dessì - Siamo di fronte a uno scenario mai visto durante la stagione estiva: terreni allagati, frutti devastati dalla troppa acqua, dalla forza delle precipitazioni e dalle grandinate. Stiamo parlando di milioni di euro di perdite>>. Una richiesta arrivata anche dal consigliere comunale di Ussana Giancarlo Zonnedda. <<In seguito alla burrasca già segnalata, contrassegnata da un forte acquazzone e folate di vento, si sono registrati dei danni anche nei centri abitati. A Ussana è scattato l’allarme nel centro sportivo di Is Osterias, con la chiusura della piscina e delle altre strutture immerse nell’oasi verde. Diversi anche gli allagamenti delle strade. A Monastir i maggiori danni sono stati accertati nella zona industriale, con diversi stabilimenti artigianali e commerciali sommersi dall’acqua cha hanno perso gran parte della produzione>>.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna