NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
19
Wed, Sep
37 Nuovi articoli

Forestas, Garau (UILA): l’accordo garantisce un reale aumento del salario dei lavoratori

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

“Comprendiamo la preoccupazione dei dirigenti del sindacato autonomo che in queste ore si affannano per sminuire l’accordo, ma siamo certi che i dipendenti di Forestas capiranno la differenza fra chi ottiene risultati senza far perdere una giornata di lavoro e chi chiede sacrifici in cambio di promesse infondate, falsità e offese”. Lo afferma la segretaria regionale della Uila Gaia Garau in relazione alle polemiche scaturite dall’accordo per l’anticipo degli aumenti contrattuali relativi al CCNL 2016-2018 dei lavoratori di Forestas sottoscritto ieri dai sindacati confederali e dal Coran. “E’ un accordo importante perché dopo 12 anni garantisce un reale aumento dei salari per questi lavoratori in linea con gli altri siglati nel comparto regionale. L’accordo – prosegue Garau - prevede un aumento del 2.7% pari all’inflazione programmata e, cosa non scontata, il consolidamento dell’indennità di vacanza contrattuale (IVC) che passerà all’1.5% esattamente come per gli altri dipendenti del comparto Regionale. Questo fa sì che l’aumento totale reale sia pari al 4.2%. La differenza tra l’IVC elargita in questi anni dall’Agenzia e quella prevista dall’accordo comporterà il pagamento della cifra rimanente a partire dal 2010. In sostanza – prosegue la segretaria Uila - per un primo livello l’aumento salariale dal 2018 è pari a 29,54 euro più 16,41 euro di IVC, mentre sempre per un primo livello gli arretrati in base all’inflazione programmata ammonteranno a 291,07 euro. Infine la differenza dell’IVC è pari a 114 euro all’anno dal 2010 ad oggi. Questo vuol dire che abbiamo raggiunto un risultato importante che porterà nelle tasche dei lavoratori centinaia di euro. Certo, abbiamo vinto una battaglia ma non la guerra. Le risorse messe a bilancio non consentono l’applicazione immediata dell’intero accordo. Ora la Giunta e il Consiglio regionale devono stanziare le risorse rimanenti necessarie a dare piena attuazione dell’accordo, così come si sono impegnati a fare a seguito della manifestazione del 10 maggio, che ha visto la partecipazione di 1200 lavoratori. Noi vigileremo affinché questo avvenga, ma nulla potrà cambiare il risultato straordinario raggiunto ieri. Ora avanti tutta con il rinnovo del CIRL (Contratto integrativo regionale di lavoro), l’aumento del salario integrativo, la parità normativa tra operai e impiegati e le soluzioni contrattuali ai problemi funzionali dell’Agenzia”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna