NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
22
Thu, Apr
66 Nuovi articoli

Cagliari. Il Corpo forestale effettua controlli nei porti e aeroporti della Sardegna

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Controlli agli sbarchi nei porti della SardegnaIl Corpo forestale ha attivato nei porti e aeroporti della Sardegna la collaborazione con il personale dell’Azienda per la Tutela della Salute (ATS) volta al controllo dei viaggiatori in arrivo.
In particolare, ai sensi dell'Ordinanza RAS n. 5, il CFVA supporta il l’ATS nel monitoraggio e controllo delle certificazioni di avvenuta vaccinazione e di effettuazione di tampone molecolare o antigenico, dichiarato dai passeggeri sulla piattaforma “Sardegna Sicura”, veicolandoli verso l'uscita dagli scali.
I soggetti sprovvisti di certificazione di avvenuta vaccinazione o al tampone molecolare o antigenico all’arrivo in Sardegna dovranno alternativamente:

a) recarsi presso le aree dedicate nei porti e aeroporti, al fine di sottoporsi al tampone rapido antigenico e attendere al porto a all’aeroporto l’esito del tampone che sarà comunicato in breve tempo dal personale sanitario.

In caso di esito negativo: recarsi al domicilio, mantenendo i dispositivi di protezione individuale, evitare i contatti con terzi e sottoporsi nuovamente a tampone antigenico, presso sanitario di propria fiducia, cinque giorni dopo il primo tampone, inserendo successivamente il dato nella piattaforma Sardegna Sicura

In caso di esito positivo: seguire le ordinarie procedure previste dalla normativa vigente per i casi Covid-19 (isolamento e sorveglianza sanitaria) e inserire il dato nella piattaforma Sardegna Sicura.

b) recarsi, entro 48 ore dall'ingresso nel territorio regionale, presso una struttura autorizzata e sottoporsi a proprie spese al tampone molecolare e inserire il dato nella piattaforma Sardegna Sicura.

c) porsi obbligatoriamente in isolamento fiduciario per i successivi dieci giorni presso il proprio domicilio e darne comunicazione al proprio medico di medicina generale, o al pediatra di libera scelta.
I non residenti dovranno comunicare il proprio arrivo alla ASL competente per territorio.

I controlli da parte del CFVA, in conseguenza dell'Ordinanza RAS n. 9, saranno effettuati anche sul territorio e saranno volti ad accertare gli adempimenti in carico ai viaggiatori arrivati che hanno scelto le opzioni a), b) e c) nonchè il rispetto da parte della cittadinanza delle prescrizioni previste per i periodi previsti come zone arancioni e rosse dal 22 marzo al 6 aprile.

Regime sanzionatorio

Per le violazioni alle ordinanze è comminata la sanzione amministrativa pecuniaria da €. 400,00 a €. 1.000,00, come previsto dall’art. 4 del D.L. n° 19 del 25.3.2020;
- la violazione della quarantena è punita con l'arresto da 3 mesi a 18 mesi e l'ammenda da € 500,00 a € 5000,00;
- la falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e punita con la reclusione fino a due anni.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna