NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Sat, Jun
40 Nuovi articoli

Cagliari. Tirrenia. Uiltrasporti Sardegna: appello al Governo della Uiltrasporti Sardegna

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Secondo la Uiltrasporti Sardegna è necessario che Tirrenia Cin prosegua i collegamenti oppure che venga bandita una procedura d’urgenza per assegnare queste tratte. Un'altra possibilità, per il sindacato, sarebbe quella di una sospensione temporanea da parte di Tirrenia AS del pignoramento dei conti di Tirrenia Cin, vista la situazione di emergenza.  “Chiediamo l’immediato intervento del ministero dei Trasporti e di tutte le istituzioni coinvolte per scongiurare la decisione della Tirrena di non procedere più alla copertura delle rotte sotto convenzione- afferma il segretario generale della Uiltrasporti Sardegna William Zonca- E’ impensabile che alla Sardegna non siano garantiti i collegamenti marittimi con la Penisola in un momento di emergenza come quello che stiamo vivendo”. La Uiltrasporti Sardegna chiede l’intervento urgente del Governo per scongiurare il caos derivante dalla interruzione delle tratte da e per la Sardegna annunciata da Tirrenia. “Chiediamo l’immediato intervento del ministero dei Trasporti e di tutte le istituzioni coinvolte, dal presidente della Regione Sardegna al Prefetto se fosse necessario, per scongiurare la decisione della Tirrena di non procedere più alla copertura delle rotte sotto convenzione”- prosegue  il segretario generale della Uiltrasporti Sardegna - A prescindere dal contenzioso legale tra Tirrenia AS  e Tirrenia Cin è impensabile bloccare le rotte in convenzione che collegano la Sardegna alla penisola: in questo momento il traffico merci diventa non solo indispensabile, ma prioritario per la salute e l’economia dell’isola. E’ improponibile che in questo momento di difficoltà la Sardegna debba affrontare un’ulteriore emergenza trasporti- conclude William Zonca, evidenziando che la cessazione dell’attività di Tirrenia comporterebbe la perdita di 1500 posti di lavoro che, in un momento come questo, provocherebbero ulteriore tensione sociale e drammatiche ripercussioni economiche per le famiglie interessate: “tutto questo per noi è inaccettabile”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna