NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
14
Wed, Nov
24 Nuovi articoli

Carbonia. Rubiu (Capogruppo Udc in Consiglio Regionale), interrogazione sulla possibile chiusura di Emodinamica al Sirai

Politica Locale
Aspetto
Condividi


Emodinamica: a rischio chiusura il reparto nell’ospedale Sirai di Carbonia. La Rete emergenziale cardiologica potrebbe subire uno scossone, non da poco, se, come si paventa, scatterà la soppressione del dipartimento. Sulla questione è scattato l’allarme nel territorio del Sulcis Iglesiente che, con la cancellazione del servizio, si vedrebbe strappare un’unità strategica all’interno del presidio sanitario. Il capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale Gianluigi Rubiu attacca: <<Non basta il ridimensionamento di innumerevoli reparti negli ospedali di Iglesias, ora la possibile chiusura della divisione di Emodinamica al Sirai conferma la situazione di indifferenza verso il territorio – spiega l’esponente dei moderati, che sul tema ha presentato un’interrogazione urgente – Con l’interruzione del servizio, a partire da lunedì, centinaia di pazienti (anche con un infarto in corso) sarebbero costretti a viaggi interminabili verso il complessi ospedalieri di Cagliari>>. Il motivo è chiaro: <<La mancanza di personale non può certo giustificare scelte negative che hanno un impatto devastante sui cittadini che lamentano patologie cardiologiche – aggiunge Rubiu – Si tenga presente che al Sirai il servizio è stato ripristinato con l’attività per dodici ore appena lo scorso luglio. A distanza di appena due mesi, l’Ats non concede un altro primario per portare avanti il reparto. Un eventuale declassamento del reparto di Cardiologia e la paventata chiusura di Emodinamica, dove vengono trattati gli infarti acuti rappresenterebbe un grave rischio per la salute dei cittadini dell’intera Provincia>>. Nel documento il capogruppo Udc auspica una soluzione immediata per il potenziamento degli specialisti nei diversi ospedali del Sulcis Iglesiente. <<Il quadro che si sta materializzando – conclude Rubiu – richiede un intervento urgente per l’incremento degli specialisti nei nosocomi del territorio, per mantenere in vita dei servizi che potrebbero salvare la vita dei pazienti>>.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna