NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
27
Sun, May
49 Nuovi articoli

Carbonia. Sede INPS, Boeri a Massidda: La sede non chiude, quanto prima nuovo personale.

Politica Locale
Aspetto
Condividi

La sede INPS di via Trieste, presidio di assistenza per lavoratori e pensionati di estrema importanza per il Sulcis, non chiuderà. Lo ha scritto il presidente dell’istituto previdenziale Tito Boeri (nella foto), rispondendo alla lettera che il sindaco Paola Massidda gli aveva inviato qualche giorno fa, nella quale si esprimeva preoccupazione per le voci di possibile chiusura o ridimensionamento della sede di Carbonia e si chiedeva, oltre a un incontro con i vertici INPS, la conferma della dede e il suo potenziamento in termini di personale.

«Desidero innanzi tutto rassicurare – ha scritto Boeri nella sua missiva – circa la permanenza dell’operatività dell’agenzia di Carbonia/Giba che sarà quanto prima potenziata con l’assegnazione di nuovo personale proveniente dalle prossime assunzioni scaturienti dai concorsi in atto».

Il presidente dell’INPS ha inoltre approfondito le questioni relative alla sede sulcitana: «Già nel 2016 le strutture INPS del territorio furono oggetto di riorganizzazione funzionale, con la trasformazione dell’agenzia di Giba in punto INPS e la contestuale mudifica della struttura di Carbonia in agenzia territoriale di Carbonia/Giba. Ad oggi questa agenzia, che presenta cinque unità di personale, compreso il responsabile di struttura, e un bacino d’utenza di oltre 66 mila persone, non è in predicato di subire ulteriori trasformazioni e tanto meno provvedimenti tendenti alla sua soppressione. Anzi – precisa il docente della Bocconi – di recente si è provveduto all’assegnazione all’agenzia stessa di una delle tre unità di personale assegnate alla Sardegna a seguito dello scorrimento delle graduatorie di un concorso per funzionari espletato nel 2007».

Il numero uno dell’INPS segnala inoltre alcuni provvedimenti organizzativi, vagliati nel frangente dai vertici regionali, che dovrebbe accrescere l’efficienza della struttura, in particolare per quanto riguarda il delicato settore delle prestazioni assistenziali del sostegno al reddito, assai sentito nel territorio: «Appare evidente – conclude Boeri – come l’istituto abbia costantemente rivolto la dovuta attenzione alle esigenze e alle problematiche dell’agenzia territoriale, pienamente consapevole della particolare complessità socio-economica del Sulcis e in tal senso si intende dare ogni rassicurazione sul mantenimento e potenziamento dell’agenzia».

Giovanni Di Pasquale 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna