NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
24
Tue, Apr
35 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Emergenza sanitaria nel Sulcis. Monica Fois (Pd Sant’Antioco) scrive all’assessore della Sanità Luigi Arru

Politica Locale
Aspetto
Condividi

“Assessore Arru ascolti l'urlo disperato dei cittadini e degli operatori sanitari del Sulcis”. E' il commento di Monica Fois, segretaria del circolo Pd di Sant'Antioco, dopo la lettera sulla sanità del territorio inviata all'assessore regionale alla sanità  Luigi Arru. La segretaria del circolo di Sant'Antioco analizza la situazione di difficoltà che devono affrontare in campo sanitario, sia per visite e ricoveri in ospedale, i cittadini di Sant'Antioco e del territorio a seguito della riforma sanitaria predisposta dalla Regione sarda. <comprendiamo la razionalizzazione delle spese sanitarie e delle risorse umane –scrive Monica Fois- Ma proprio per questo motivo riteniamo opportuno che Lei valuti attentantamente la possibilità di concentrare in un unica sede operativa qualificata e organizzata che potrebbe essere Carbonia centro naturale del Sulcis perche “sono tanti ed importanti i servizi che sono venuti a mancare, si legge, o si sono resi insufficienti nella struttura ospedaliera del Sirai a Carbonia”. L'appello di Monica Fois si riferisce infatti al superamento tutte le esigenze, ormai divenute emergenze, che vivono anche i cittadini di Sant'Antioco appunto con l'individuazione di un'unica sede situata in posizione centrale ed equidistante nel territorio e quindi facilmente raggiungibile.

 

La lettera
Chiediamo con la massima priorità ed urgenza all’Assessore Arru di ascoltare l’urlo disperato dei cittadini e degli operatori sanitari del Sulcis.La situazione venutasi a creare in seguito alle misure poste in campo dalla riforma sanitaria ha assunto ormai i tratti di una piena e reale emergenza,per i cittadini del Sulcis e per medici e addetti ai lavori delle strutture ospedaliere.

Ragionevolmente comprendiamo la necessità di misure di razionalizzazione delle spese sanitarie e delle risorse umane ad esse subordinate,ma allo stesso tempo riteniamo ciò non sia accettabile che ciò si traduca nell’esistenza di più sedi non complementari tra loro che risultino inefficaci rispetto alle esigenze dei cittadini del territorio interessato. Non intendiamo in tale sede selezionare troppo nello specifico le singole inefficienze,ma sono tanti ed importanti i servizi che sono venuti a mancare o si sono resi insufficienti nella struttura ospedaliera del Sirai a Carbonia.Per tale motivo riteniamo opportuno e doveroso che lei valuti attentamente la possibilità di concentrare in un’ unica sede la struttura dedicata ai servizi sanitari,affinche essa sia il più possibile operativa, qualificata ed organizzata e possa soddisfare tutte le esigenze divenute ormai emergenze che i nostri cittadini vivono nella quotidianità.Riteniamo altresi che tale sede,per ragioni geografiche possa essere quella di Carbonia,in quanto situata in posizione centrale ed equidistante nel territorio e pertanto più facilmente raggiungibile. Certi della sua comprensione e collaborazione attendiamo un suo riscontro con comunicato ufficiale,previo incontro con la segreteria del circolo pd Isola di Sant’Antioco,da noi rappresentato per discutere più attentamente la problematica esposta.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna