NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
21
Sun, Oct
49 Nuovi articoli

Torino. Tra razzismo e xenofobia, le letture della terza giornata del salone del libro

Cultura
Aspetto
Condividi

Terza giornata al Salone del libro di Torino per la Sardegna. Giornata affollata di visitatori che approfittano del sabato per vedere le novità editoriali e assistere ai numerosissimi eventi della fiera.

In mattinata, durante le presentazioni dei testi, ampio spazio è stato dato ai temi del razzismo e della xenofobia, argomenti quanto mai caldi per la società moderna.
Luigi Manconi, Presidente dell’UNAR - Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le pari opportunità, ha presentato il titolo “Non sono razzista, ma” (autori Manconi e Federica Resta) insieme a Massimo Recalcati, psicoanalista, saggista e accademico italiano su questi temi.

«Il razzismo non è un fenomeno fatale e nemmeno rapido», ha spiegato Manconi. «Si chiama razzismo spesso ciò che non è razzismo ma è xenofobia. Quest'ultima è considerata una parola difficile – come la sua pronuncia – ma definisce ciò a cui assistiamo. È una ridefinizione dell'ansia collettiva, della paura dello straniero, addirittura dello sconosciuto e dell’ignoto. È una paura molto diffusa e che si sta ampliando. Spetta alla classe politica, che per ora non ha operato bene, di impedire che si trasformi in razzismo». E Luigi Manconi lancia un messaggio di speranza perché secondo lui «è ancora possibile intervenire».

Sul tema è intervenuto anche l'assessore regionale della Cultura, Giuseppe Dessena: «La riflessione di Lugi Manconi è profonda e spiega come il razzismo cambi, come sia fatto di paure e del rapporto con gli immigrati. Uno spaccato che riguarda tutte le regioni d’Italia e che ti fa capire come siamo ancora immaturi nella relazione con gli immigrati e instrada sul processo da intraprendere in tutto il bacino del Mediterraneo. Un futuro prossimo che dovremo saper affrontare, perché questa è una prospettiva futura ineludibile».


Per Massimo Recalcati, invece, esistono «due forme di razzismo. Nel '900 questo si è manifestato in modo violento e brutale, ideologico dove una razza voleva dimostrare la sua superiorità rispetto a un'altra», ha spiegato. «C'è poi un razzismo dei nostri tempi che spinge verso una rappresentazione ideologica del razzismo e ci pone di fronte a una versione diversa, xenofoba e più diffusa, dove si confonde con una sorta di intolleranza, diffusa, una brace che produce un timore angosciato e può sfociare in violenza razzista vera e propria».

È sempre di razzismo e xenofobia hanno parlato Francesco Bachis, Alessandra Marchi, autori di “Sull’orlo del pregiudizio Razzismo e xenofobia in una prospettiva antropologica” (AIPSA Edizioni), presentato oggi al Salone del Libro.
Più leggero, ma molto gradito, il reading “Un paese ci vuole” con concerto di Giacomo Casti e Chiara Effe.

FIABE DEL GUSTO. Nel pomeriggio è stato poi replicato il connubio tra letteratura ed enogastronomia. Dopo la giornata sul Nuorese e sulla Barbagia, oggi è stato raccontato il Sulcis attraverso la letteratura, il cibo e il vino. Partendo dalla lettura di “Piombo fuso” (di Marco Corrias, Giorgio Zanchini, Edizioni IL MAESTRALE) e da “Paese d'ombre” (di Giuseppe Dessì) con la presentazione del progetto "Menù letterario" (a cura della Fondazione Dessi) è stato raccontato il territorio ma anche le sue prelibatezze culinarie preparate dallo chef Pierluigi Fais. Il tutto accompagnato da un vino tipico della zona, il Carignano.

Oggi per dare notizia dell'evento due ragazzi, due sposi mauritani in abito tradizionali da matrimonio hanno girato nei diversi padiglioni della fiera, destando curiosità e interesse.

Ma cultura vuol dire anche musica. Oggi è stato presentato “Eva canta” con l’autrice Maria Tiziana Putzolu, Sabrina Perra con la musica del basso di Mario piazzo.
In serata, come ormai è abitudine in questi giorni di fiera, chiusi i battenti del Lingotto la cultura sarda continua farsi conoscere a Torino nel Salone OFF. Oggi è stata la volta dello spettacolo “La vedova scalza”, tratto dall'omonimo libro di Salvatore Niffoi. Seguito da un incontro-dibattito con l'introduzione di Angela Dogliotti, Presidente del Centro Studi Sereno Regis.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna