NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
18
Tue, Dec
33 Nuovi articoli

Nuxis. Conferenza “Rocce e minerali in medicina: patologia, diagnostica e terapia”

Eventi Manifestazioni
Aspetto
Condividi

La conferenza che sarà tenuta dal Dottor Mosè Lisci il 26 ottobre prossimo nella ex minioaera di "Sa Marchesa" a Nuxis è mirata alla conoscenza dell’impiego delle sostanze minerali sia per le diagnosi sia per le tarapie di alcune patologie, affronterà, inoltre le principali malattie che si sono manifestate nel nostro territorio durante le attività estrattive. L’utilizzo delle rocce e dei minerali prelevati dal loro sito naturale e utilizzati per scopi terapeutici chiamato litoterapia, era già conosciuto dai greci e i romani che ricorrevano, opportunamente trattati al loro utilizzo: la polvere di marmo veniva utilizzata contro i dolori gastrici ed intestinali, lo zolfo per le cure della pelle. Gli Egizi utilizzavano i lapislazzuli ridotti in polvere per curarsi dalle malattie: Sia gli Incas che gli Atzechi conoscevano gli effetti antisettici dei minerali di rame, interessante è stato l’utilizzo della nefrite il cui nome deriva da “nephron” che significa rene che non a caso veniva utilizzata per realizzare amuleti per produrre effetti benefici per i reni. Attualmente si usa l’argilla per la cura di processi infiammatori e si pratica il termalismo, ovvero l’utilizzo di acque calde nelle quali sono sciolti sali minerali dall’effetto terapeutico. Purtroppo certi minerali assunti anche non direttamente possono causare diverse malattie e le aree minerarie sarde ne sono la testimonianza, tra le quali la silicosi, il saturnismo e quant’altro. La conferenza curata dal Dottor Lisci sviscererà questo affascinante argomento, articolando l’intervento in tre parti: 1) cenni storici sull'uso terapeutico delle pietre 2) importanza dei minerali negli organismi viventi 3) malattie legate al lavoro di estrazione e lavorazione dei minerali.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna