NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Mon, Dec
44 Nuovi articoli

Dolianova. Al festival Street Books da lunedì 17 a mercoledì 19 luglio tre giorni di musica e letteratura

Eventi Manifestazioni
Aspetto
Condividi

Si parte lunedì 17 con lo spettacolo di Renzo Cugis e Samuele Dessì “Si stava peggio quando si stava peggio”, si prosegue martedì 18 con il reading di Filippo Martinez e Gavino Murgia “Suoni dal buio” e si chiude mercoledì 18 con Alberto Capitta che presenta il suo romanzo “L’ultima trasfigurazione di Ferdinand”. Appuntamento alla Villa De Villa, sempre alle 21.30.
Le ironiche ballate di Renzo Cugis e Samuele Dessì nello spettacolo “Si stava peggio quando si stava peggio”, l’incontro tra Filippo Martinez e Gavino Murgia nel reading “Suoni dal buio”, e Alberto Capitta con il suo romanzo “L’ultima trasfigurazione di Ferdinand”. L’ultima settimana del festival Street Books di Dolianova si apre con tre appuntamenti di grande richiamo, tutti ad ingresso gratuito e in programma alla Villa De Villa con inizio alle 21.30. Si parte lunedì 17 luglio con “Si stava peggio quando si stava peggio”, uno spettacolo di e con Renzo Cugis e le musiche in scena di Samuele Dessì. Un attore in scena con un musicista a suo fianco a fare da colonna sonora racconta storie più o meno personali e più o meno vere. Storie per raccontare che, se non ci sono più i gusti e le stagioni di una volta, è perché non ci siamo più noi. I noi di una volta. “Si stava peggio quando si stava peggio” è un invito a riconsiderare il passato per riconsiderare il presente e, un modo per tentare di combattere la nostalgia: inutile stato psicologico che invade il prezioso posto riservato ai ricordi e alla memoria. Un incontro insolito con un esito originale: da una parte l’autore, scrittore e regista (e tante altre cose ancora) Filippo Martinez, dall’altra il sassofonista Gavino Murgia. Insieme martedì 18 presentano il reading “Suoni da buio”. Come nella Pompei prima dell’eruzione, anche oggi viviamo “a luce spenta in un ambiente chiuso”. Il feroce dio Denaro ha dettato le sue priorità e l'umanità si è piegata ai suoi diktat di volgarità e violenza. Gavino Murgia sarà armato del suo sassofono, Filippo Martinez della sua voce. Avvolti dalle note di Gavino Murgia ascolteremo le parole di poeti sardi del '900 e di questo secolo: da Emilio Lussu a Felicina Trebini, da Antonio Gramsci a Luca Foschi, da Nino Nonnis a Sergio Atzeni, da Renzo Cugis a Marco Schintu. Musica e poesia: “Suoni dal buio” è un piccolo tentativo di resistenza di un mondo alla ricerca della luce. Mercoledì 19 si torna ai libri con “L’ultima trasfigurazione di Ferdinand” (Il Maestrale). A presentare il romanzo sarà l’autore Alberto Capitta che dialogherà con Emanuele Cioglia. Nell’occasione, sarà attivo il servizio gratuito di bibliositting: i bambini a partire dall’età di sei anni potranno appassionarsi al divertimento della letteratura grazie al laboratorio creativo curato da Eliana Aramu “Gli Sporcelli e altri personaggi ripugnanti”, ispirato a Roald Dahl.Nato a Sassari, dove vive e lavora, Alberto Capitta è attore, regista e autore di testi teatrali ed è fondatore, insieme a Elda Broccardo, di Ariele Laboratorio. Ha esordito come romanziere con “Il cielo nevica” (Guaraldi 1999), seguito da "Creaturine" (Il Maestrale 2004) con la quale approda alla finale del Premio Strega. Del 2008 è il romanzo "Il giardino non esiste", sempre per Il Maestrale. Nel 2013 suo quarto romanzo “Alberi erranti e naufraghi” si è aggiudicato il Premio Brancati per la narrativa e il Premio Letterario Città di Osilo, oltre che essere proclamato Libro dell'Anno 2013 dai lettori della trasmissione di Radio Rai 3 Fahrenheit. “L’ultima trasfigurazione di Ferdinand” è il suo ultimo romanzo, pubblicato nell'ottobre 2016 sempre per le edizioni Il Maestrale di Nuoro. Il festival Street Books - Scrittori, lettori e libri a Dolianova, organizzato dall’associazione Circolo dei Lettori Miele Amaro con la direzione artistica di Gianni Stocchino, è sostenuto dall’amministrazione comunale di Dolianova e dall’assessorato regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna