NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
20
Sat, Jul
27 Nuovi articoli

Carbonia. Cedac, domani sabato “Il berretto a sonagli” portato in scena dalle Quinte Emotive

Spettacolo
Aspetto
Condividi

La compagnia teatrale iglesiente “Le Quinte Emotive”, nell’ambito del cartellone Cedac, porta in scena sabato, alle ore 20.45, uno dei capolavori del teatro pirandelliano, “Il berretto a sonagli”: l’inizio dello spettacolo è previsto per le ore 20.45. Sul palcoscenico gli attori Cristina Pillola, Giusy Fogu, Gisella Biggio, Andrea Zucca, Leonardo Pani, Efisio Deiola e Claudia Benaglio, diretti da Paolo Angioni; le musiche sono di Pinuccio Pumoni, i costumi di Rosa Pinna.

berretto a sonagliCommedia in due atti scritta nell’agosto 1916 in dialetto siciliano per Angelo Musco, con il titolo “ ’A birritta cu ’i ciancianeddi”, derivata dalle novelle “La verità” e “Certi obblighi”, fu rappresenta dalla compagnia del grande attore dialettale a Roma, nel giugno dell’anno successivo. Ma nel ’18 Pirandello, visto il successo del testo, decise di farne una versione in italiano che andò in scena sempre nella capitale il 15 dicembre 1923. Nel 1936, Eduardo De Filippo ne fece una versione in dialetto partenopeo, spinto dallo stesso Premio Nobel. Com’è noto, l’autore e attore napoletano ebbe un’autentica venerazione per Pirandello: riuscì tra le altre cose ad ottenere di collaborare con l’agrigentino per la riduzione teatrale di una novella, “L’abito nuovo”, che tuttavia Pirandello non riuscì a vedere sul palcoscenico essendo mancato prima che ciò avvenisse. Certamente la figura di Ciampa, lo scrivano che è al centro della vicenda del “Berretto”, influenzò la costruzione di uno dei personaggi centrali della produzione eduardiana, il Pasquale Loiacono di “Questi fantasmi”. Nel “Berretto a sonagli”, il “fantasma” è il cavalier Fiorica, principale di Ciampa e presunto amante della giovane moglie dell’attempato dipendente, che è al centro della tresca alla base dell’intreccio ma non appare mai; nei “Fantasmi”, invece, l’amante appare fin da principio, mentre il personaggio inesistente è “ ’o professore”, il dirimpettaio di Loiacono al quale questi, all’inizio del secondo atto spiega, in un duetto-assolo, come si fa il vero caffè alla napoletana.

AAA farmacia basciu gande

Ciampa e l’intera commedia che lo vede al centro della trama contengono già praticamente tutti gli ingredienti del teatro pirandelliano. È l’uomo sconfitto dalle circostanze della vita, che accetta il compromesso più vergognoso solo perché non deve renderne conto pubblicamente: solo così può salvare il suo “pupo”, la marionetta dentro cui nasconde e protegge la verità di ciò che è e di quanto riesce a sopportare. Quando finisce per terra, schiacciato dall’incontro con chi è più forte di lui, si rialza solo con la forza di un disperato stratagemma, aiutato dall’ipocrisia di un mondo che, per difendere un’apparente dignità ormai sgretolata, ne asseconda il progetto sacrificando chi ha deciso di gettare a terra le maschere.

Giovanni Di Pasquale

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

OLTRE LA FARMACIA - Piazza Italia Sant'Antioco

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna