NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
16
Sun, Dec
38 Nuovi articoli

Carbonia. Al via “Notti a Monte Sirai”, in scena Actores Alidos con i canti femminili di “Galanìas”

Spettacolo
Aspetto
Condividi

Il maltempo, com’è noto, ha costretto a una modifica del programma di “Notti a Monte Sirai 2018”: le date sono così state concentrate in quattro giorni consecutivi, a partire da questa sera, quando andrà in scena “Galanìas - Canti delle donne sarde”, a cura della compagnia Actores Alidos. DOSSIER GALANIAS. 001Domani sarà la volta del geologo Mario Tozzi e del saxofonista algherese Enzo Favata, con lo spettacolo per voce narrante e musica “Sardegna, le radici della storia”, venerdì di “Dionisio & Figlie - Premiata Vineria”, lavoro di Orlando Forioso dalle “Baccanti” euripidee, con la presenza di Caterina Murino. Si chiude sabato con “Il vino dà alla testa e invita alla festa”, concerto-spettacolo, storie, canti e musica tradizionale e composizioni moderne, ispirate dal vino e dalla cucina. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.30.

“Galanìas” propone un repertorio di canti a ballo, canti di lavoro, ninne nanne e canti sacri, canti d’amore e di festa: la compagnia Actores Alidos, diretta da Gianfranco Angei, porta sulla scena Valeria Pilia, “boghe sola”, Elisa Marongiu, “boghe de punta”, Diana Puddu, “boghe se suta”, Roberta Locci, “boghe del mesu” e il polistrumentista Tore Agus. Una produzione che è stata ospite dei cartelloni di decine di festival in tutta Europa e che offre un ampio spettro antico e moderno delle sonorità della Sardegna: «Il lavoro di composizione polifonica – spiegano i promotori – è arricchito di tanto in tanto dai suoni ancestrali della cultura musicale strumentale isolana, che accompagnano e si alternano alle voci femminili. Ricchezza timbrica e ed espressiva delle voci, sonorità dei vari strumenti etnici e di lavoro, delicate atmosfere teatrali, e danza tradizionale armonizzano in un concerto dalla spiccata componente spettacolare e concorrono a divulgare i valori della cultura identitaria del canto femminile in Sardegna».

Giovanni Di Pasquale

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna