NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
21
Tue, Nov
53 Nuovi articoli

Sant'Antioco. I Carabinieri arrestano il presunto piromane di un incendio appiccato nel 2016

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

I carabinieri di Sant'Antioco, a conclusione delle indagini hanno identificato e arrestato l’autore dell’incendio che nel 2016 ha distrutto 70 ettari di territorio isolano, superficie di terreno. Sono stati infatti i carabinieri della stazione di Sant’Antioco ad eseguire nei giorni scorsi  un’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari per incendio boschivo emessa dal Gip del Tribunale di Cagliari nei confronti di V.P.,59 anni residente a Sant’Antioco, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, identificato a seguito di complesse e accurate attività di indagine, è accusato di aver appiccato, in data 22 luglio 2016, un incendio che ha distrutto 70 ettari di superficie. Il rogo si era sviluppato in un’ampia zona rurale in località Stagno Cirdu. I carabinieri giunti sul posto si erano trovati di fronte ad un muro di fiamme alto 100 metri, con diversi focolai che, alimentati dalle temperature torride, oltre al vento e alla vegetazione incolta, si erano propagati per alcuni ettari di macchia mediterranea e area boschiva, minacciando alcune abitazioni della zona. L’area è stata subito presidiata dai mezzi di soccorso dei vigili del fuoco, forestale, protezione civile e dai militari che si sono subito attivati per cercare il piromane: infatti era subito apparsa evidente la matrice dolosa dell’incendio.  La potenza devastante dell’incendio, con il rapidissimo sviluppo del fuoco e la notevole estensione della superficie boschiva e macchia mediterranea, l’interessamento di terreni agricoli e di diversi edifici destinati a civile abitazione e ricovero animali, ha reso necessario l’utilizzo di diversi mezzi aerei, due elicotteri e un canadair, con la durata di alcune ore di operazioni di completo spegnimento dei focolai che, comunque, ha determinato un gravissimo danno ambientale. È stato grazie all’opera costante dei militari della stazione, che hanno subito cominciato ad indagare sul mondo agropastorale dell’isola di Sant’Antioco attraverso testimonianze, servizi di osservazione, pedinamento e attività investigative complesse, che è stato scoperto e arrestato il piromane.
Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Cagliari che ha concordato con le risultanze investigative dell’Arma, hanno consentito di acquisire elementi decisivi per l’identificazione dell’uomo. Così è scattata la misura coercitiva degli arresti domiciliari, le cui prescrizioni inibendo del tutto gli spostamenti sul territorio, è finalizzata a scongiurare l’ulteriore commissione di analoghi reati contro l’incolumità pubblica e l’ambiente.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna