NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Mon, Oct
55 Nuovi articoli

Sant'Antioco. “Ettore”, cane bagnino riporta a riva pattino in avaria con sei persone a bordo

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi


Impresa di un cane di Salvataggio a mare ieri pomeriggio a Cala Sapone, una tra le più rinomate spiagge dell'isola di Sant'Antioco. Un pattino, con sei persone a bordo tra cui quattro bambini, per la rottura del timone, è rimasto in balia delle onde. A riportarlo con il carico di bagnanti è stato il cane bagnino “Ettore”, un bell'esemplare di Labrador di 18 mesi, in servizio nelle spiagge dell'isola sulcitana. Doveva essere una giornata spensierata al mare. Ha rischiato però di rivelarsi un incubo risolto per fortuna dal cane bagnino. E' il primo anno che Ettore lavora con i bagnini dell'Associazione Assosulcis Onlus addestrato per questa incombenza dal suo conduttore Gianni Cappelli 19 anni di Buggerru. <E' un impegno appagante. Ho trovato chi poteva addestrarlo federandomi poi con la FISA, la federazione che si occupa dei cani di questo tipo - racconta Gianni cappelli. 19 anni di Buggerru- così ho proposto all'Assossulcis di utilizzalo per i salvataggi a mare e il risultato è stato eccellente- ormai è diventato un protagonista – conclude il conduttore- adulti e bambini vengono ogni giorno a trovarlo, accarezzarlo e chiedere notizie sul suo lavoro>. Il fatto che ha visto protagonista il cane bagnino Ettore è scuccesso ieri intorno alle 13 quando un gruppo di turisti in vacanza in Sardegna ha preso in affitto un pedalò nella spiaggia di Cala Sapone a Sant'Antioco per una passeggiata tra le onde. Tutto sarebbe andato per il meglio se non si fosse rotto il timone rendendo ingovernabile il natante. In loro soccorso è prontamente intervenuto il bagnino dell'“Assosulcis” di turno in spiaggia. A bordo del mezzo di servizio si è diretto con “Ettore”, che lo accompagna in tutti gli interventi, verso il natante in avaria. Il mare leggermente increspato e il vento di maestrale hanno reso però complicato l'intervento. Il bagnino non riuscendo a rimorchiare con il suo mezzo il pedalò ha affidato la cima della corda, con cui aveva legato al pedalò dei bagnanti, al cane bagnino che ha nuotando l'ha trainato a riva risolvendo una situazione che poteva diventare pericolosa. Ad effettuare il servizio di salvataggio a mare nelle spiagge di Sant'Antioco quest'anno è lìassociazione Onlus Assosulcis che ha stipulato una convenzione col Comune. <quando il nostro volontario ha proposto all'associazione l'utilizzo del cane- spiega il presidente dell'Associazione Gianfranco Agati- l'abbiamo accettata di buon grado considerandola un valore aggiunto>. A operare nelle spiagge di Maladroxia, Coe 'e Quaddus e Calasapone sono a turno otto bagnini compreso il conduttire del cane bagnino Ettore.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna