NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Fri, Dec
34 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Sequestrati 3.400 m2 di area demaniale marittima a fianco del porticciolo. Denunciato alla Procura il gestore

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

La guardia costiera Sant’Antioco ha sequestrato ieri mattina l’area demaniale di 3.400 mq circa, che si trova lato del porticciolo turistico, e deferito alla Procura della Repubblica di Cagliari il titolare del porticciolo turistico di Sant’Antioco per il reato di cui agli articoli 256 comma 2 del Testo Unico Ambientale e 674 del Codice Penale.
L'operazione si è svolta questa mattina. Il personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo, alle dipendenze del Comandante tenente di vascello Francesco D'Istria, ha eseguito con il proprio Nucleo di Polizia Ambientale e Demaniale, una complessa attività di controllo, nell’area demaniale marittima annessa al porticciolo turistico di Sant’Antioco.
I controlli sono stati eseguiti utilizzando anche l’elicottero “Nemo – 15” della Guardia Costiera che, con la supervisione del Centro di Coordinamento Ambientale della Direzione Marittima di Cagliari, ha effettuato il monitoraggio delle aree e all'attività di polizia ambientale ha partecipato anche il personale dell’A.R.P.A.S. del Dipartimento Sulcis di Portoscuso.
Dai controlli effettuati è stata accertata, nell’area demaniale marittima, la presenza di rifiuti anche pericolosi abbandonati in tutta l’area. In particolare sono stati rinvenuti contenitori non sigillati e degradati di olii esausti, diverse batterie di piombo e vari contenitori di plastica per alimenti colmi di oli alimentari usati e oli minerali esausti. Tali rifiuti hanno generato una dispersione di sostanze pericolose in diversi punti con conseguente contaminazione del suolo.
I militari hanno così posto sotto sequestro l’area demaniale di 3.400 mq circa e deferito alla Procura della Repubblica di Cagliari il titolare del porticciolo turistico di Sant’Antioco per il reato di cui agli articoli 256 comma 2 del Testo Unico Ambientale e 674 del Codice Penale.
Il personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Sant’Antioco continuerà le attività di controllo ambientale al fine di vigilare sul rispetto delle normative vigenti.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna