NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
25
Mon, Jun
40 Nuovi articoli

Iglesias. Fabio Enne (CISL): oltre la tifoseria bisogna privilegiare i bisogni del territorio

Ritagli
Aspetto
Condividi

Il segretario CISL, Unione Sindacale Territoriale - Sulcis Iglesiente Fabio Enne interviene sulla scomposta tifoseria delle parti politiche emersa dopo l'insediamento del governo giallo verde puntandoi invece l'attenzione che è necessario invece, al di la delle casacche, privilegiare i bisogni del territorio. "L'aspetto più caratteristico di queste ultime campagne elettorali, scrive Fabio Enne, è stato l'inconsueta passione che è stata rivolta verso o contro il Governo appena insediato.
I drammi sociali, le delusioni politiche e Ia voglia di vivere all'interno di uno Stato più attento ai bisogni dell'intera collettività, ad un certo punto pareva fossero divenuti secondari lasciando il posto ai sentimenti paÉitici che hanno prevalso, con una forma di Tifoseria, agli interessi collettivi, dimenticando anche il periodo lunghissimo che ha prodotto un sensibile recesso nei diritti sociali, economici e del mondo del lavoro.
La stessa sensazione avuta in ambiente Nazionale si percepisce localmente, forse con minore intensità, ma con dinamiche molto simili che, replicano una maggiore attenzione di schieramento rispetto alla necessità di riscatto economico che è l'unico strumento in grado di favorire migliori condizioni di vita e serenità per comunità intere obbligate agli stenti. Nel nostro territorio, per il quale non credo sia utile ripercorrere le molteplici cause di sofferenza, siamo in piena e perenne campagna elettorale, ma oltre a confermarsi le fazioni degli uni contro gli altri, oltre a cadere nel tranello di chi preferisce la proliferazione della guerra fra poveri, oltre a registrare posizioni di chi si erge a portatore sano del giusto, come unico eccellente propositore del benessere sociale, si intravede la solita Politica sbagliata, quella dei due tempi. Assertori dello sviluppo turistico, ambientale, contro ogni forma produttiva industriale, o viceYersa, fautori della pace nel mondo, contrari ad ogni conflitto bellico e quindi ad ogni situazione ad esso riferibile, elemento, quello della Pace, che noi riteniamo, comune a tutti.
Da questi piccoli esempi, continua il segretario territoriale della Cisl, si evidenzia l'insufficienza nell'affrontare compiutamente iI percorso utile al miglioramento economico del Sulcis, che non passa attraverso la chiusura del comparto industriale ritenuto ostacolo a settori del turismo e del terziario, neanche attraverso iI solo consolidamento industriale che da solo non risolverebbe i numeri tragici della disoccupazione ne prefigurerebbe una sufriciente ripresa economica. Mentre ci sforziamo nella ricerca più consona alla ripresa economica che inevitabilmente può essere eredibile solo con una variegata politica di supporto e costruzione nei confronti dell'Industria, dei Servizi, dei TraspoÉi, del Turismo e delle migliori vocazioni Territoriali che devono essere ricondotte a" Sistema Sinergico", tutti coloro che hanno la Responsabilità, accompagnata da lauti guadagni per esercitarla, ci guardano dall'alto in attesa di capire cosa deciderà la maggioranza, nel frattempo non si mettono neppure minimamente Io scrupolo di studiare un Piano di Sviluppo aderente alle nostre specilicità anzi, non solo non è oggetto dei loro pensieri si rifiutano persino di considerare proposte già elaborate e fruibili da subito con ricadute immediate e positive sull'occupazione, e quindi sull'intera economia.
In questo Territorio non si deve chiudere niente, Conclude Fabio Enne, bisogna comprendere che dobbiamo invece aprire anche a nuove opportunità di sviluppo, consolidando il poco rimasto, generando nuova fiducia imprenditoriale e aspettative verso I'intera comunità. Non è importante se queste attese provengano da schieramenti di sinistra importante che esse avvengano e lo sforzo, che dovrebbe essere esercitato da tutti, da meglio esercitarlo con tutti senza fare sconti ma nell'interesse generale".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna