NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
21
Mon, May
38 Nuovi articoli

Chi è Dio? Riflessione di Franco Perella

Ritagli
Aspetto
Condividi

La domanda del Testimone di Geova mi prese alla sprovvista. Non mi sono mai soffermato su Dio, sulla sua essenza ed esistenza: non mi è mai interessata la ricerca intellettuale e filosofica di Dio.
Il giovane Testimone di Geova, però, insisteva nel volere da me una risposta e allora…
- Lei lo sa chi è Dio?! – chiesi.
- Certo! – e cosi dicendo mi sciorinò la formula del catechismo di San Pio X: “Dio è l’essere perfettissimo creatore del cielo e della terra…”
- Sul serio lei pensa di essere riuscito ad introdursi, con la sua mente finita, nell’Infinito?! Beato!
Non l’idea possediamo, ma Dio stesso perché siamo opera dalle sue mani: “Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza…” Perché cercarLo nei libri, fra le stelle, fra le bellezze del creato, quando Lui è in me, nella persona che mi cammina accanto?!
Corri lungo le strade che riducono la mente ad un grigiore simile alla pazzia, nella ricerca di qualcosa che né il denaro, né il potere, né la fama possono darti.
Non guardi più dentro di te perché cammini lungo strade che non sono tue: puzzi di asfalto, di birra, sospinto dalla droga e dallo stordimento… E lì, proprio quando crolli, e senti che la vita ti sfugge, una preghiera, imparata da bambino, ritorna fra le labbra, hai ancora la forza di innalzare lo sguardo e di chiederti non chi è Dio, ma gridare “aiutami Dio che sei in me!”.
Dio è grande perché si fa piccolo e si intrufola nella nostra miseria, ricordandoti che anche tu sei “grande” perché possiedi il suo “Alito di Vita”.
La notte fra le corsie degli ospedali, fra lamenti e richieste di aiuto, un uomo lascia il suo letto e scivola accanto a chi ha bisogno di una presenza rassicurante. Sgrana il suo rosario, le sue mani stringono quelle di un vecchio…
- Chini sesi?... Antiogu sesi?
- Sisi, seu Antiogu.
- Toca filu miu, portamì a domu!
- Seusu in domu, Babbu.
Adagio adagio il vecchio, si tranquilizza e “Antiogu” può ritornare al suo letto. Ma alle prime luci dell’alba si scopre che il suo cuore generoso si era fermato mentre, forse, pregava per quel vecchio sofferente.
In quella notte ho vissuto una pagina intensa di teologia: ho scoperto chi è Dio.

Franco Perella

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna