NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
20
Sun, Sep
34 Nuovi articoli

LE SPIAGGE DI SANT’ANTIOCO di Pg Testa

Ritagli
Aspetto
Condividi

Quasi 50 anni fa quando ci dicevano che occuparsi di PRO LOCO toccava a chi di turismo vive e non a noi studenti, rispondevamo “ Ma sarà un modo per difendere la nostra isola dalla speculazione edilizia, proprio perchè più nota e più amata”. Non ci sbagliammo: con un vincolo paesaggistico, anticipando di 30 anni la legge regionale sarda di salvaguardia delle coste, fu impedito a tanti che si definivano “volenterosi” di versare cemento a Portu su Trigu e a Porto Sciusciau come già era successo a Polifemo, Peonia, Maladroxia e ad altri centri. Grazie a questa scelta Sant’Antioco, non rischiando di assomigliare a Rimini o a Santa Marinella incominciò ad attrarre turisti provenienti da molte parti di’Italia e non solo. .
Ora questo risultato sembra raggiunto e le coste di Sant’Antioco sono conosciutissime e apprezzate praticamente da tutti, ma ora dobbiamo fare i conti con il fatto che le nostre attrattive naturali sono minacciate da almeno 4 eventi:09 00 spiaggia
1. L’aumentato numero dei fruitori. Fino agli anni ’60 andare al mare riguardava un’élite dei pochi che avevano la macchina e degli altrettanto pochi che amavano andare al mare. Oggi al mare ci vanno o ci vorrebbero andare tutti.
2. L’aumento del livello del mare, causato dallo scioglimento di tutti i ghiacciai, anche di quelli delle Alpi, con le conseguenti erosione e riduzione della sabbia.
3. Il fatto che non piova! Come è noto le spiagge si formano e si mantengono grazie al trasporto di minuscoli detriti cristallini da parte dei ruscelli, che se non scorrono perchè non piove, non potranno mantenere la spiaggia. Anche a Maladroxia, dove 10 anni fa circa furono spesi 1 milione e duecentomila Euro di denaro pubblico per spondare un rio praticamente asciutto da oltre 20 anni.
4. Il fatto che non ci sia freddo. Ancora per i cambiamenti metereologici, per cui il clima estivo dura almeno 6 mesi consentendo a molti di stare al mare da Maggio a Novembre.
Non cito fenomeni quali notti di in concerto e corse con moto o macchine in spiaggia, ritenendoli ancora marginali.
Se vogliamo, ma dobbiamo, salvare le Spiagge di Sant’Antioco, come è successo in altri comuni sardi, diventa oggi inderogabile razionalizzare, controllandolo !, l’afflusso dei, piuttosto che turisti, “Pendolari del Mare”, che da tutti i paesi del Sulcis e non solo si riversano quotidianamente nelle spiagge, che appaiono piccole e fragili, comunque non in grado di affrontare tale afflusso.
Con il numero limitato otterremo ciò che d’altre parti viene apprezzato dagli stessi turisti e daremo respiro agli arenili, oggi eccessivamente sfruttati.

P. Giorgio Testa

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna