NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
22
Mon, Jul
30 Nuovi articoli

Sant'Antioco. "Indietro tutta". Odissea nel canale navigabile. Chieste nuove indagini batimetriche e sospensione ordinanza escavo canale

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

“Odissea nel canale navigabile”. Anche la prossima estate l'isola di Sant'Antioco sarà “presa in giro” da chi va per mare per diporto. Chi sperava di raggiungere attraverso il canale navigabile della laguna il porticciolo turistico cittadino, Calasetta, Portoscuso e Carloforte dovrà rassegnarsi a fare ancora il periplo dell'isola. Il canale rischia di rimanere ancora off-limits e a rischio di insabiamento per chi non è un provetto marinaio. A lanciare l'indietro tutta è stato L'ufficio marittimo di Ponti che ha sospeso l'ordinanza che fissava dal 18 al 30 aprile il periodo di escavo per il dragaggio e la messa in sicurezza del canale. La richiesta di sospensione èlarrivata dalla Provincia Sud Sardegna a seguito di una lettera inviata dall'azienda che deve eseguire i lavori che ha richiesto nuove indagini batimetriche. Questo per determinare l'esatta entità delle sabbie da dragare che se in quantità superiore a quanto previsto dal progetto, farebbero saltare il finanziamento e rendere impossibile l'esecuzione dell'opera come previsto. <Abbiamo dato seguito alla richiesta della Provincia di sospendere l'ordinanza di inizio lavori di dragagio per difficoltà emerse recentemente- spiega il Comandante Porto Francesco D'istria- di cui si valuterà con le parti tempi e modalità di proseguimento>. Una richiesta che ha portato qualche malumore. <Questa vicenda sta diventando un tormentone mentre - dice il sindaco Iganzio locci-  si allungano i tempi di intevento per risolvere la pericolosita di attraversamento. Spero- afferma Locci- che tutti facciano con molta oculatezza il proprio divere in modo di chiudere a breve e al meglio questa vicenda che sta diventando infinita> Dello stesso parere il gestore del porticciolo turistico la Marina. <Una notizia che ci lascia amareggiati. Quando è stata bandita la gara abbiamo gridato un “olè” nella speranza di una soluzione a breve- dice Alberto Deriu- Questo stop ci lascia perplessi perchè ci costringe a rallentare gli investimenti come essere presenti alle prossime fiere nautiche per proporre il prodotto “marina di Sant'Antioco”. Di sicuro -conclude- sarà un'ulteriore stagione persa come diventerebbe inutile presentare i nostri progetti di promozione di un prodotto non finito>. Fabio Desogus proprietario del Coral Reef, una azienda nautica che si occupa di immersioni e lavori nautici è convinto che non si può più aspettare. <Il canale ormai è a rischio -confida- specialmente nella parte centrale e finale dell'escavo che presenta delle curve insidiose> Più fuducioso il presidente della sezione cittadina  dell'associazione Marinai d'Italia. <Dopo aver aspettato tanto, non saranno due tre settimane in più a modificare le cose - commenta Antonello Iesu- con la speranza però che la burocrazia non abbia il sopravvento>.  Si allontatano quindi i lavori di riqualificazione del canale navigabile che una volta ultimati e istallati i sistemi di illuminazione diventerebbe nuovamente percorribile in sicurezza. La nuova situazione poi cancellerebbe  tutte le ordinanze e divieti, tuttora in vigore, dando semaforo verde al pieno utilizzo e a nuove prospettive di rilancio turistico della città.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna