NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
21
Tue, Nov
53 Nuovi articoli

Carbonia. In piazza Marmilla il nuovo mercato ortofrutticolo “a km zero” targato Coldiretti

Attualità Locale
Aspetto
Condividi


Aprirà, in piazza Marmilla, il mercato “a km zero” e sarà la Coldiretti, aggiudicataria del bando comunale per l’affidamento, a gestirne l’organizzazione e il coordinamento. Alla confederazione dei coltivatori diretti il compito particolare di garantire che i prodotti venduti nel nuovo punto vendita di prodotti ortofrutticoli a cielo aperto rispondano al requisito di provenienza da produzione aziendale diretta. «Si tratta – spiega il sindaco Paola Massidda – di una novità assoluta per quanto riguarda il nostro Comune”. Verrà così realizzato un obiettivo che era stato inserito nelle linee programmatiche del nostro mandato amministrativo. Un mercato settimanale di vendita diretta di prodotti agricoli, sito in Piazza Marmilla, ogni martedì dalle 8 alle 13.30. I produttori potranno commercializzare i loro prodotti tipici e freschi a prezzo conveniente, saltando l’intermediazione di grossisti e dettaglianti. Il nuovo mercato a “km zero”, presente già da tempo in comuni limitrofi come Iglesias e Sant’Antioco, va a colmare una lacuna nel tessuto economico-produttivo di Carbonia». Soddisfazione ha espresso anche l’assessore alle Attività Produttive Mauro Manca: «Presto quindi il mercato “a km zero” sarà una realtà operativa, che completerà il circuito commerciale della nostra città. La nascita di una nuova iniziativa potrà contribuire allo sviluppo economico-produttivo delle nostre aziende locali». L’aggiudicatario del bando di gara opererà in sinergia con le scuole del territorio comunale, realizzando le cosiddette “fattorie didattiche”, veri e propri laboratori in cui gli studenti potranno apprendere come si svolge il ciclo di vita di un prodotto o di un alimento (per esempio come dal latte si arriva alla produzione del formaggio): «Crediamo – ha concluso Manca – che le fattorie didattiche possano rappresentare uno strumento prioritario nell’ottica di una valorizzazione dei nostri prodotti agroalimentari e, nel contempo, di una promozione dei valori di una sana e corretta alimentazione».

Giovanni Di Pasquale

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna