NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Wed, Aug
32 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Ritornano nelle teche del Museo archeologico due reperti unici e preziosi

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

 

Da mercoledì scorso due reperti archeologici tra i più pregiati dell’intera collezione fenicio-punica hanno ritrovato posto nelle bacheche del Museo archeologico “Ferruccio Barreca” di Sant'Antioco. Si tratta dell’orlo di una rarissima coppa ionica in argento che riporta l'importantissima iscrizione sulle cariche amministrative della Sulky punica del III secolo Avanti cristo ed il celebre anello punico con rosetta centrale della Sulky del IV secolo avanti Cristo. I due reperti ritornano a Sant'Antioco dopo anni di assenza per dei prestiti in favore di altri musei nazionali e stranieri in occasione di mostre specifiche. Con la chiusura delle mostre, la nuova amministrazione comunale si è attivata immeditamente per il rientro al museo dei reperti, grazie alla collaborazione con la Soprintendenza Archeologica della Sardegna, il Soprintendente Fausto Martino e la responsabile della zona del Sulcis-Iglesiente Sabrina Cisci. <E' un magnifico ritorno a casa- commenta il sindaco Ignazio Locci- che salutiamo con grande entusiasmo, considerato l’inestimabile valore dei due reperti>. A spiegarne il valore è la responsabile scientifica del Museo. <L’orlo di coppa ionica, estremamente raro e di straordinaria importanza per le informazioni scientifiche che fornisce, mancava dal MAB da ben sette anni: si trovava, infatti, in mostra a Cagliari dal 2010 -spiega Sara Muscuso- L’anello, invece, era in esposizione dal 2016 in Germania, a Kalkriese, presso il Warusschlacht Museum>. Soddisfazione anche il neo assessore comunale alla cultura. <Questo rientro  rappresenta per noi un vero e proprio evento- afferma Rosalba Cossu- in quanto si inserisce nel solco del nostro progetto di rivalorizzazione culturale dei beni che definiscono l’identità antiochense, a partire proprio dal nostro sconfinato patrimonio archeologico>.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna