NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
26
Wed, Feb
36 Nuovi articoli

Iglesias. Fa tappa in città “Operazione Risorgimento Digitale” di TIM

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

Da lunedì 30 marzo a disposizione dei cittadini lo sportello digitale in piazza e i corsi in aula gratuiti per insegnare Internet e le sue potenzialità per “Una grande scuola mobile digitale”
Sono aperte ad Iglesias le iscrizioni ai corsi di formazione del progetto “Operazione Risorgimento Digitale” di TIM, l’iniziativa itinerante che toccherà le 107 province italiane con l’obiettivo di dare a tutti la possibilità di diventare “cittadini di Internet” e accelerare in questo modo il processo di digitalizzazione del Paese.

Si tratta di un progetto che vuole dare una risposta concreta al gap di cultura digitale che è ancora presente nel nostro Paese, nonostante l’elevato livello di infrastrutturazione (cioè di disponibilità di rete fisse e mobili a banda larga e ultralarga) esistente. Secondo i dati Istat, infatti, il 25% circa delle famiglie italiane non ha una connessione a Internet, e di tali famiglie il 58% dichiara che non è connesso perché non lo sa usare, mentre il 21% non usa Internet perché non lo reputa uno strumento interessante.
Il progetto verrà presentato mercoledì 19 febbraio, dalle ore 16.00, nella Sala Lepori di Via Isonzo, nel corso di un incontro con la cittadinanza.

Le attività formative avranno inizio lunedì 30 marzo con l’arrivo in Piazza Oberdan della “scuola mobile” di TIM, un “truck” che per tutta la settimana funzionerà da sportello digitale per dare informazioni e consentire ai cittadini di iscriversi ai corsi, oltre che ospitare 10 brevi sessioni formative da meno di un’ora attraverso le quali scoprire Internet e le sue potenzialità.

In particolare, nella “scuola mobile” sarà possibile attivare SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), la soluzione che permette di accedere, anche da dispositivi mobili, ai servizi online della Pubblica Amministrazione (INPS, INAIL, Agenzie delle entrate, Portali del cittadino, etc.) e dei privati abilitati, con un’unica Identità Digitale (user e password).

Chi volesse iscriversi subito, senza aspettare l’arrivo a Iglesias della “scuola mobile”, può contattare il Numero Verde dedicato 800 860 860, attivo tutti i giorni dalle 8:00 alle 20:00. Le informazioni sono disponibili online alla pagina web https://operazionerisorgimentodigitale.it.

Da lunedì 20 aprile, partiranno i corsi di formazione in aula rivolti a cittadini e dipendenti della Pubblica Amministrazione locale. Verranno insegnate dieci cose facili e utili per diventare cittadini di Internet, come ad esempio, entrare in rete, trovare informazioni, comunicare, condividere e vivere le proprie giornate da cittadino digitale. Le attività formative dureranno fino a venerdì 8 maggio e si svolgeranno sia la mattina sia il pomeriggio nelle scuole e in altre location cittadine messe a disposizione dal Comune di Iglesias.

L’iniziativa aderisce al Manifesto della Repubblica Digitale promosso dal Commissario Straordinario del Governo per l’attuazione dell’Agenda Digitale, ha il patrocinio della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dell’ANCI, ed è aperta al contributo di altre aziende, istituzioni e operatori pubblici e privati in un’ottica di sistema, per fare rete e massimizzare le opportunità per i cittadini.

“Il progetto “Operazione Risorgimento Digitale”, rappresenta un’iniziativa di grande importanza – ha spiegato il Sindaco Mauro Usai – che permetterà a tante persone di poter accrescere le proprie conoscenze in un settore diventato di fondamentale importanza, rendendo più efficiente la connessione tra i cittadini e la Pubblica Amministrazione”.

L’Assessore all’Informatizzazione Francesco Melis ha sottolineato come “Il progetto sia parte del processo di rinnovamento digitale che l’Amministrazione sta portando avanti, attraverso nuovi strumenti come le applicazioni per PC, tablet e smartphone, in grado di rendere più semplice l’accesso ai servizi”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna