NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
25
Mon, Jun

Carloforte. Trentacinque anni con Radio San Pietro, voce consolidata dell’isola. Una radio che parla al cuore e alla gente

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

In principio fu un sottoscala e le Quarantore. Era il 27 marzo del 1983 e Radio San Pietro emetteva i primi vagiti da una sorta di ripostiglio diffondendo le devozioni dei fedeli verso il Santissimo Sacramento. Da allora, conformemente alla sua identità di radio comunitaria, l’emittente in questi 35 anni di vita ha fatto parecchia strada. Nata con l’intento di trasmettere in diretta le funzioni religiose per gli infermi, il suo palinsesto si è via via arricchito sempre più di rubriche e di servizi giornalistici che spesso vanno in diretta. Non c’è avvenimento della vita cittadina che non sia ripreso e diffuso dalle antenne della radio che nel frattempo sono state potenziate e le loro onde si propagano ora ben oltre il Sulcis. Dai consigli comunali alle competizioni sportive, dalle manifestazioni culturali agli spettacoli musicali non c’è un evento della vita cittadina che non venga “registrato” e trasmesso. Da diversi lustri, per esempio, in diretta viene seguito lo spoglio delle elezioni comunali, e non c’è stato Sindaco eletto che prima di salire gli scalini del Municipio non sia passato prima dai microfoni di Radio San Pietro per una prima intervista. Naturalmente il tutto senza trascurare le celebrazioni e le iniziative a carattere religioso. Ne è nato così un palinsesto vario e considerevole tanto nella diversità che nella qualità. Ed è soprattutto un palinsesto attento alle esigenze degli ascoltatori.
Non ci sono (ovviamente) dati auditel, ma Radio San Pietro è molto seguita. Non si spiegherebbero altrimenti le fortune di certe trasmissioni come “Anteprima sport” o “Parliamo di...” una rubrica cultural-giornalistica che va in onda la domenica mattina e che la prossima domenica andrà in onda con la puntata n° 1286! E poi le antenne dell’emittente ogni giorno diffondono 14 edizioni di un radiogiornale locale e le notizie meteo.
Un impegno notevolissimo per i curatori della radio, che trasmette continuativamente 24 ore su 24, grazie anche ai collegamenti per alcune ore (non molte) con Radio in Blu, un nugolo di volontari, una ventina in tutto (a volte qualcuno in più, altre qualcuno in meno, a seconda dei tempi) e tutti competenti, che sacrificano il loro tempo libero per fare grande la radio. Una incombenza e una responsabilità notevole che viene però affrontata con energica passione da tutti e in primis da Silverio D’Arco, volontario tra i volontari che da 35 anni, fin dall’inizio, ha seguito e contribuito alla crescita dell’emittente fino all’ultima innovazione (che è un successo): la creazione della pagina Facebook di Radio San Pietro dove sono visibili con filmati, talvolta in diretta, avvenimenti e servizi giornalistici e che raggiunge così utenti lontanissimi dal campo delle onde radio.
C’è ancora d’aggiungere che l’emittente è un piccolo scrigno di storia e cultura e non solo per alcune sue trasmissioni come quella etnografica programmata per ogni venerdì mattina inerente a canzoni e musiche della tradizione ma soprattutto perché nella sua sede (ora ampia e moderna) sono conservate migliaia di cassette audio che formano un formidabile quanto inestimabile archivio degli ultimi 35 anni della vita carlofortina. Buon compleanno Radio San Pietro, la “radio che parla al tuo cuore” la “radio che parla alla gente” come viene declamato nelle sue trasmissioni.

Sulcis Iglesiente Oggi