NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
22
Sun, Apr

Carloforte. Assemblea popolare sull’azione e sulle opere svolte dall'Amministrazione comunale

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

A poco meno di sei mesi dalla sua elezione, l’amministrazione comunale ha indetto, mercoledì scorso, un’assemblea popolare per rendicontare sull’azione e sulle opere fin qui svolte e riferire ai cittadini i progetti futuri, dei quali diversi sono ad uno stadio più che embrionale. “Carloforte in comune” hanno chiamato questa iniziativa di “democrazia partecipata” che, stando a quanto detto, dovrebbe essere il primo degli incontri informativi che verranno promossi durante il cammino quinquennale dell’amministrazione. Del resto in questo primo appuntamento si è parlato di turismo, trasporti, e opere pubbliche “ignorando” sanità, servizi sociali e istruzione perché saranno oggetto di una prossima assemblea. Si è parlato per prima cosa del “Girotonno” ed in particolare dei suoi costi considerati eccessivi perché, considerando l’ultima edizione, si è registrato un passivo di 313 mila euro. Da qui l’idea di contenere la spesa limitando la presenza e le prestazioni dei big della canzone. Anche il “Palapàize”, la tribuna mobile capace di ospitare seduti quasi 2000 spettatori, è stata considerata una struttura insostenibile dovendola ogni anno, a rigor di legge, smontarla per poi rimontarla. Al suo posto e in tutta l’area circostante (il vecchio campo sportivo) verrebbe realizzata una struttura polifunzionale comprensiva di palco, tribune e un campo da minigolf. Non è stato ancora presentato un progetto definitivo ma sono state formulate tre ipotesi, aperte e comunque non molto diverse tra di loro sul destino di quest’area. È stato anche annunciato che la piscina che la vecchia amministrazione voleva realizzare all’interno di una palestra dell’Istituto Nautico non si farà più mentre verrà ripristinata quella in località “Giunco” ora abbandonata e mai utilizzata. L’assessore ai Lavori Pubblici Stefano Rombi ha parlato anche del depuratore da realizzare e degli impegni con Abbanoa per renderlo compatibile ed ha fatto cenni sul destino della salina che verrebbe utilizzata sia per fini turistici (produzione di un sale di nicchia) e insieme naturalistici per la ricca avifauna che la popola. Infine il responsabile dei trasporti Gian Luigi Penco ha parlato del contributo da sbarco “già applicato in tutte le isole minori italiane” e che entro il prossimo mese verrà approvata in consiglio comunale. Con il contributo da sbarco che i passeggeri (con tantissime eccezioni) dovrebbero pagare arrivando a Carloforte “Il turista – è stato detto – contribuirà alla realizzazione dei servizi che utilizza nell’isola”.

Nicolo Capriata

Sulcis Iglesiente Oggi