NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
24
Fri, Nov

Iglesias. Alla sala Lepori il primo concorso dedicato a Vera Caproni Liberi di volare, la letteratura nelle mani dei giovani scrittori.

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Premio Liberi di volare webLiberi di volare, la letteratura nelle mani dei giovani scrittori. Il 13 ottobre nella sala Lepori di Iglesias si è tenuto il primo concorso letterario dedicato a Vera Caproni, insegnante di lettere delle scuole superiori scomparsa pochi anni fa. L’evento è stato organizzato dall’Associazione scrittori Iglesienti “Liberi di volare” con il patrocinio del Comune di Iglesias. L’associazione è stata fondata ormai da quasi un anno, e questo è solo il primo dei concorsi indetti per valorizzare i talenti della scrittura. Ha aperto l’evento la proiezione di un video composto di foto e musica dedicato alla professoressa Caproni, successivamente il sindaco di Iglesias Emilio Gariazzo ha presentato la serata, ricordando l’insegnante e elogiando il suo forte ingegno educativo di cui si sente la mancanza, dato che non si impegnava solamente a insegnare ma anche a trasmettere ai ragazzi l’amore per la cultura. Ha proseguito poi il presidente dell’associazione Marco Cocco, spiegando che è utile e possibile insegnare ai giovani la capacità di leggere, scrivere e raccontare. È sempre più difficile invogliare i giovani alla lettura e alla scrittura anche a causa dell’avvento della tecnologia. Vera Caproni aveva cercato, come insegnante di lettere, di fare proprio questo, e per questo motivo il primo concorso a lei dedicato è stato rivolto agli studenti delle scuole superiori.
Il primo premio è stato assegnato a Sara Saragat per il brano “Stelle che non sono le stesse”, il secondo a Matteo Cappai per il racconto “Francesco” e al terzo posto si è classificato “Quando arrivi al capolinea” di Sonia Martinelli. È stato inoltre assegnato il premio speciale della Giuria a Federico Manis per il suo brano “Invidia”. I ragazzi, tutti provenienti da diversi istituti superiori iglesienti, sono stati premiati da Giorgia Loi. Inoltre sono state lette dalla giuria le motivazioni del premio assegnato a ognuno e una piccola parte del brano vincente. Per concludere è stato consegnato un premio speciale alla signora Carmela Crovetti per il brano “La ragazza che raccoglieva le rose”. La signora Crovetti è il membro più anziano dell’associazione “Liberi di volare”, e ha iniziato a scrivere per puro diletto da pochi anni, soprattutto per raccogliere ricordi della sua vita, meritandosi lo speciale riconoscimento. Tutti i brani premiati, insieme e quelli degli altri partecipanti, sono stati raccolti in un volume. L’azione dell’associazione “Liberi di volare” non si ferma qui: sono state annunciate diverse iniziative future per promuovere il piacere della lettura e della scrittura, ne sentiremo ancora parlare.

Giulia Loi

Sulcis Iglesiente Oggi