NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
24
Fri, Nov

Carloforte. Lezione di civiltà rivolta ai padroni dei cani

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

cani“Chi nu ö ben ai bestie u nu n’ö mancu ai crestian”, chi non vuol bene agli animali non ne vuole neanche ai cristiani, recita un motto tabarchino che è in comune con tanti altri vernacoli. Sta di fatto che a volte (per usare un eufemismo) chi vuol bene agli animali non vuole bene agli uomini. Passeggiando nei giardini o alle periferie dei paesi (Carloforte non è dammeno) è facile incappare o inciampare (se si è distratti) in deiezioni di cani. “Spettacolo” brutto a vedersi oltre che a dirsi. Così l’amministrazione comunale per arginare o quanto meno limitare l’incivilissimo comportamento di alcuni proprietari di cani, ha preso l’iniziativa di installare in tre punti della cittadina i contenitori per eiezioni cani (così tecnicamente si chiamano) dai quali si può asportare la bustina per includervi i rifiuti canili e poi depositare il tutto nello stesso contenitore. “L’idea è quella di sensibilizzare i cittadini ad una più civile condotta – ha detto Gianni Verderosa assessore alle politiche ambientali e alla viabilità – e conseguentemente ridurre certe vergognose vedute”. Ai tre contenitori, ubicati presso Piazza San Pietro, il parcheggione antistante l’istituto Nautico e dietro le mura di cinta, presto se ne potrebbero aggiungere altri anche per togliere ogni alibi, ogni scusante (se mai potesse esistere) a chi a passeggio con i fidi amici non si comporta correttamente. Non c’è che dire l’iniziativa del Comune, che è forse la prima intrapresa nel Sulcis, è sicuramente lodevole. Ma attenzione, una amministrazione, una qualsiasi amministrazione, non importa il colore o le idee, pur assumendo provvedimenti encomiabili non riuscirà a tenere pulita la città se i suoi cittadini continueranno a comportarsi in modo inurbano e maleducato.

Nicolo Capriata

Sulcis Iglesiente Oggi