NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
20
Mon, Nov

Domusnovas. Dalla proposta di un regolamento all’incontro con la società civile. Un paese in verde

S.I. Oggi
Aspetto
Condividi

Coinvolgere la cittadinanza nella gestione attiva dei beni comuni, stimolare e accrescere il senso di appartenenza, recuperare spazi verdi incentivando la collaborazione tra cittadini. Sono questi i risultati attesi della proposta dell’assessore Ilaria Pisu. Se ne è parlato mercoledi durante un incontro con la società civile, occasione per informare le associazioni, ma anche i singoli cittadini e le imprese. L’obiettivo a lungo termine per l’assessore è questo: “Avere piazze e spazi verdi recuperati dal degrado dove bambini, giovani e anziani possano stare insieme, raccontare e raccontarsi. Luoghi dove chiunque possa sentirsi accolto e possa andare via con la voglia di tornarci presto”. Prosegue Ilaria Pisu: “Sogno di poter rivedere e ripercorrere un paese cosi come narrato nel dizionario Angius Casalis, dove Domusnovas veniva descritta come un paese ridente, un luogo tra i più deliziosi delle regioni temperate. Non appena diventata assessore ho deciso di proporre questa mia idea perchè trovo sia un modo per avere una partecipazione attiva da parte dei cittadini. Ci sono già diverse adesioni informali, sia da parte di associazioni che di privati cittadini e anche di alcuni operatori commerciali e artigiani.”
L’amministrazione ha individuato una decina di aree adottabili alle quali si aggiungono diverse aiuole che potrebbero essere oggetto di adozione. I soggetti prenderanno in consegna l’area impegnandosi, a titolo gratuito, alla realizzazione degli interventi stabiliti, secondo quanto convenuto nella convenzione. La durata dell’assegnazione è fissata inizialmente per due anni e potrà essere rinnovata a seguito di espressa richiesta scritta. Il comune si riserva comunque di revocare, per ragioni di pubblico interesse, l’area assegnata. Allo stesso modo l’assegnatario può rinunciare all’adozione in qualsiasi momento, previa comunicazione scritta.
Tutte le idee e le soluzioni tecniche previste da ciascun progetto di adozione devono tenere conto della pianificazione generale dell’arredo urbano comunale, sotto l’aspetto tipologico ed estetico.
La richiesta dovrà essere presentata al comune di Domusnovas secondo lo schema predisposto. L’assegnazione in adozione verrà effettuata dall’Assessorato all’ambiente sulla base dell’ordine cronologico di presentazione delle domande.

Maria Giovanna Dessì

Sulcis Iglesiente Oggi