NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
29
Sun, Jan

III Domenica ordinaria. Nel mare della storia …

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi

Il male nel mondo. Difronte al male che è nel mondo non si può rimanere indifferenti; lo stesso Dio se ne addolora e Gesù piange su Gerusalemme prevedendone la quasi distruzione nel 70.
Ma cosa ha combinato l’uomo da far quasi pentire Dio di averlo creato?! Secondo gli storici da quando l’uomo è sulla terra ci sono stati più di 3 miliardi e mezzo di morti ammazzati. I profeti denunciano il male presente tra i discendenti di Abramo e tra le nazioni straniere. Gesù anticipa il suo giudizio finale che solo chi avrà praticato giustizia, amore e misericordia entrerà a possedere la pienezza di vita per l’eternità; per gli operatori di iniquità invece ci sarà pianto e stridor di denti. Si comprende dunque la ragione dell’invito al bene, alla conversione.
Dal male al bene Dopo che Erode aveva fatto imprigionare Giovanni Battista perché non si sentisse più la sua voce, Gesù cominciò a predicare: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”. Nella "Galilea delle genti", come aveva predetto il profeta Isaia, Gesù fece risuonare per la prima volta il Vangelo, la buona notizia. Gesù dice: "Il tempo è compiuto”. La storia subisce una svolta; è giunta l’ora che si affermi la verità, la giustizia, l'amore. Quello che era accaduto una volta a Ninive con la predicazione del profeta Giona, ora si realizzi per il mondo intero, iniziando dalle rive del mare di Galilea. Al termine della predicazione di Giona "i cittadini di Ninive si convertirono dalla loro condotta malvagia e credettero a Dio”; Gesù chiede anche qualcosa in più …
Salvati per salvare Gesù non è solo un profeta come Giona, è Dio stesso che ha posto la sua dimora in mezzo agli uomini e predica: "Convertitevi", invitando alcuni a seguirlo perché, da semplici pescatori del Mare di Galilea, ne avrebbe fatto pescatori di uomini per il suo regno. Gesù propone una vita non più ripiegata sulla ordinaria pesca di sempre, bensì un'esistenza immersa in un nuovo mare, quello della storia, a "pescare" uomini dalle acque agitate del mondo che travolgono portando solitudine, amarezza e perfino disperazione. Si viene pescati da questo naufragio per una vita nuova di verità, di onestà, di solidarietà, di figli di un Dio che ci è padre, ci vuole bene e vuole che viviamo da fratelli. È questa la conversione. Il convertito a sua volta poi porta il lieto messaggio agli altri, per condurli alla salvezza. La parola evangelica anche oggi percorre le rive del mare della nostra storia invitando alla conversione e alla sequela di Gesù. Così si diventa discepoli del vero “maestro”, cristiani, fedeli laici, sacerdoti, religiosi, suore, missionari. Suscitare contese e vivere divisi tra noi è un vero scandalo.
La voce di Gesù
Riconosciamo la sua voce in chi ci parla in suo nome e parla come Lui.
Riconosciamo la voce di Gesù in chi aspetta giustizia, cerca lavoro, o non si sente amato da nessuno.
Non possiamo lasciare inascoltato il grido di tanti nostri fratelli e sorelle.
La protezione di Maria
Ci guidi e ci protegga anche la Madonna Santissima, come la invochiamo in “O bella mia speranza” di S. Alfonso Maria de’ Liguori: “In questo mare del mondo, Tu sei l’amica stella, che puoi la navicella, dell’alma mia salvar”.

Nicola Fiscante, sacerdote redentorista, San Sperate