NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
19
Wed, Jan

Il Battesimo di Gesù… e il nostro Battesimo

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi

 Dio Padre lo presentò agli uomini come il suo diletto Figlio,  che noi dovremmo ascoltare.   Da parte nostra aver conosciuto Dio in Gesù Cristo e battezzarci significa credere e sperare nell’uomo come vi ha creduto e sperato Dio.  Il Battesimo di Gesù è una sua manifestazione al mondo, un Dio che si fa uomo per liberarci da ogni male; il nostro Battesimo è un aderire a Gesù e a tutto il suo messaggio. “Questi è il mio Figlio diletto, ascoltatelo…”. Nella nostra esistenza ogni atto di giustizia, di accoglienza, di comprensione, di solidarietà e di perdono è una testimonianza che il Natale di Gesù è vera Gloria di Dio e Pace degli uomini. Gesù è venuto per porre fine ad un potere oppressivo e liberarci da ogni schiavitù. Un messaggio su Gesù che non parlasse di giustizia sarebbe un’offesa al Dio fatto uomo.  Pace in terra agli uomini amati dal Signore e di buona volontà.  “Una pace che è armonia tra uomo e Dio, tra uomo e mondo, tra uomo e donna, tra ogni uomo e il suo simile”. (Cardinal Martini, “Riflessioni sul Natale”, San Paolo)  Gesù avrà pianto da bambino, piangerà nell’Orto degli ulivi, morirà in croce tra due ladri; in Lui vediamo presenti le sofferenze di ogni bambino  e di tutti gli adulti del mondo. Giovanni Paolo II parlava di “Globalizzazione della solidarietà”, cioè che l’umanità riconosca e viva l’essere una grande famiglia, famiglia di famiglie dei popoli, dove tutti sono fratelli e sorelle.  Dio si è fatto uomo ribadendo tali verità e indicandoci perfino i particolari nel viverle.    Papa Paolo VI a Betlemme il 6 gennaio del 1964 si esprimeva così: “La missione del cristianesimo è instaurare amicizia tra i popoli della terra, comprensione, incoraggiamento, promozione ed elevazione”.  Gesù per quello che ha vissuto e detto è stato il più bello, Gesù per quello che ha vissuto e detto è stato il più bello tra i figli degli uomini;  noi cantiamo: “Dio si è fatto come noi, per farci come Lui”.  Battezzandoci e con gli altri Sacramenti desideriamo realizzare questa missione; facciamolo al meglio e sarà davvero tutto più bello.  Le nostre riflessioni e desideri si fanno preghiera: O Dio, concedici di vivere come fedeli imitatori di Gesù, per chiamarci ed essere realmente tuoi figli.                                 

Nicola Fiscante, sacerdote redentorista, San Sperate