NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Fri, Aug

XVI Domenica ordinaria (anno liturgico B 2018)

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi
       

Gesù chiama i discepoli in disparte per riposarsi, perché tanta era la gente che andava e veniva da non esserci il tempo neppure per mangiare.   Avviene qualcosa di simile quando noi sacerdoti e suore facciamo gli esercizi spirituali, quando per voi fedeli laici si celebrano le missioni parrocchiali, novene e tridui di feste patronali, quando si partecipa alla Messa domenicale.  Ci si apparta per riposarci un po’.  Ne abbiamo bisogno fisicamente e spiritualmente,  anche per una messa a punto della nostra impostazione di vita. Domenica scorsa abbiamo meditato che Dio ci ama, ci chiama, ci manda ad annunciare il suo Regno; Dio ci chiama ad agire come Lui, che “ha compassione” del suo popolo.   I discepoli, dopo la Missione, ritornano da Gesù pieni di gioia, perché perfino i demoni sono sottomessi.   E Gesù dirà: “piuttosto siate contenti perché i vostri nomi sono scritti in cielo”.  Si fa appena in tempo a gioire per il ben operato, che nuove situazioni difficili, problematiche si presentano.  C’è “gente stanca e sfinita, come pecore senza pastore”. La voce di uno che proclamava alta la verità e che la legge morale è uguale per tutti, era stata messa a tacere; Giovanni Battista, il testimone della luce, era stato ucciso da Erode.  Deve parlare Gesù; infatti “si mise a insegnare loro molte cose”.  Devono parlare i suoi discepoli, insegnando come Lui: “Quel che ho detto a voi, ditelo a tutti”.  Abbiamo conosciuto quanto Gesù ci ama; dobbiamo amare come Lui. Non ci sono più né Giudei né Greci, né schiavi né liberi, né uomo né donna, ma siamo uno in Cristo, un solo popolo, un solo spirito, una sola fede, un solo Dio e Padre di tutti, con Gesù Cristo, Redentore di tutti. Tutti con la stessa dignità, gli stessi diritti e doveri. Come quel giorno i discepoli, noi oggi siamo in disparte   con Gesù per riposarci un po’; usciremo di Chiesa per portare a tutti il messaggio di salvezza. Ancora una volta Gesù ci ripeterà: “State contenti, perché i vostri nomi sono scritti in cielo”.  Ogni anno la 3a Domenica di Luglio come oggi noi Redentoristi festeggiamo “GESÙ RENTORE” da cui l’Istituto missionario prende il nome. “Facendosi uomo il Figlio di Dio si è unito in un certo modo ad ogni uomo; nascendo dalla Vergine Maria si è fatto veramente uno di noi. Egli è il Redentore dell’uomo!” (S. Giovanni Paolo II nell’Enciclica “Redemptor hominis, 8). Con te, Gesù, continueremo la tua missione di Salvatore e Redentore del mondo. Amen.  Auguri ai Missionari Redentoristi!                                                                                                           

 Padre Nicola, sacerdote redentorista, San Sperate