NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
29
Sun, Jan
12 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Cultura. Il comune lagunare si piazza primo in Italia e si assicura 200 mila euro per il progetto ”SmART Sulky Mediterranean Art”

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Con il progetto ”SmART Sulky Mediterranean Art” redatto dall’Ufficio Cultura, il Comune di Sant’Antioco partecipa al bando promosso dal Ministero dell’Interno a sostegno delle piccole e medie città e borghi d’arte colpiti dalla diminuzione dei flussi turistici a causa della pandemia da Covid-19 e si piazza primo in tutta Italia aggiudicandosi un finanziamento di 200 mila euro. «Un 2022 che per il settore Cultura, Parco Archeologico e Beni culturali del Comune di Sant’Antioco si chiude all’insegna della progettualità vincente e azzeccata – commenta l’Assessore alla Cultura Luca Mereu – capace di portare nelle casse comunali circa 800 mila euro, di cui 483 mila euro dal PNRR per il MAB Museo Archeologico Ferruccio Barreca, 100 mila dalla Regione per le pitture della cosiddetta “Tomba dell’Egizio”, e 200 mila dal Ministero dell’Interno per un progetto destinato al Parco storico e archeologico di Sant’Antioco. Ringrazio l’ufficio per questo grande lavoro e auspico si prosegua su questa strada di valorizzazione e promozione anche al fine di rendere il nostro patrimonio culturale sempre più accessibile e conosciuto». Il progetto ”SmART Sulky Mediterranean Art” è indirizzato interamente al Parco storico archeologico di Sant’Antioco (con un focus sull’arte), unico nel suo genere in quanto ubicato in piena area urbana e caratterizzato dalla presenza di numerosi siti di interesse storico e archeologico e musei che permettono di ripercorrere la storia dell’isola attraverso il susseguirsi delle diverse civiltà che l’hanno abitata. Si va quindi dal Mab e il Tofet al Villaggio Ipogeo e il Museo Etnografico, dal Forte Sabaudo alla Necropoli Punica, dall’Acropoli all’Archivio storico. Obiettivo: valorizzare, rilanciare e promuovere il notevole patrimonio culturale con specifiche e innovative linee di azione rivolte a differenti target di fruitori che favoriscono la conoscenza e la fruizione del patrimonio stesso attraverso l’ampliamento dell’accessibilità. Un ruolo fondamentale in tal senso è rivestito dagli strumenti tecnologici abilitanti, riconducibili in generale all’Internet of Things (IoT), utili non solo per riprogettare esperienze di visita sempre coinvolgenti ma anche per stimolare a conoscere più in profondità, innescando circuiti virtuosi e sostenibili di valorizzazione e promozione a beneficio dell’intero territorio. Si punterà a potenziare la conoscenza di specifici aspetti legati all’arte locale, contestualizzandone la dimensione mediterranea, coinvolgendo attivamente la cittadinanza nei processi di valorizzazione del patrimonio artistico e accrescendo nei giovani l’interesse e la conoscenza dell’arte antica, delle produzioni locali e, più in generale, del patrimonio culturale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna