NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
29
Sun, Jan
12 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Abbattimento barriere architettoniche Viale Trento, approvato progetto esecutivo, ora la gara d’appalto

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Compie un altro, decisivo passo in avanti il programma di abbattimento delle barriere architettoniche su due centralissime e importanti arterie cittadine, finanziato dal PNRR con 1,4 milioni di euro: nei giorni scorsi è stato infatti approvato il progetto definitivo esecutivo di Viale Trento, da via Fra Ignazio a via Risorgimento, per il quale sono stati messi sul piatto 700 mila euro. «Siamo ormai a buon punto e in procinto di bandire la gara d’appalto per l’esecuzione delle opere – commenta Francesco Garau, assessore ai Lavori Pubblici – È un progetto generale a cui teniamo tanto: abbattiamo letteralmente quelle barriere architettoniche che ancora resistono nel centro urbano. Adesso gli uffici possono chiudere il cerchio anche con l’altro intervento, quello di via Garibaldi, finanziato sempre con 700 mila euro: una strada particolarmente battuta soprattutto dai pedoni in quanto raccordo tra il centro urbano e il Lungomare, ma zeppa di barriere architettoniche, a partire dal posizionamento dei lampioni. Viale Trento e via Garibaldi rappresentano due grosse criticità su cui, questa volta, interveniamo in maniera risoluta e completa, senza apporre toppe provvisorie ma ristudiando il progetto in modo globale». La fine del 2022 si prospetta come decisiva per l’avvio di ulteriori opere di straordinaria importanza, così come sottolinea il Sindaco Ignazio Locci, tutte finanziate con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per un totale di circa 8 milioni di euro: «Oltre a queste due strade, per le quali si bandirà la gara d’appalto entro il 31 dicembre, segnalo che per la fine del 2022 andremo in gara anche per il rifacimento di Piazza Umberto, 1,2 milioni di euro; Scuola Antioco Mannai, oltre 2 milioni; gli immobili comunali a canone agevolato di via Giovanni Paolo II, 2,6 milioni; la Scuola di via Virgilio, Padiglione B, 1 milione di euro. Ci stiamo facendo trovare pronti con le opportunità offerte dal PNRR – spiega il primo cittadino – la nostra struttura comunale sta rispondendo al meglio nonostante le difficoltà e le complessità del lavoro che sono dietro ogni opera pubblica. La rigenerazione del patrimonio urbano determina un miglioramento della vita dei suoi residenti e diventa anche più appetibile per chi guarda alla nostra isola e alla nostra città».

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna