NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
28
Mon, Nov
13 Nuovi articoli

Cronache provincia. Tre denunce e controlli lavoro in nero.

Cronaca Regionale
Aspetto
Condividi

Ieri ad Iglesias i carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, un trentunenne del luogo, disoccupato e con precedenti denunce a carico. A seguito di una mirata perquisizione personale e locale, i carabinieri hanno sorpreso l'uomo in possesso di grammi 48 di marijuana e di materiale per il confezionamento delle dosi e di due bilance di precisione nonché della somma contante di 100 euro in banconote di piccolo taglio, verosimile provento di precedenti attività di spaccio. La sostanza verrà inviata ai laboratori dell'Agenzia delle Dogane di Cagliari per le analisi di rito.

Un 27enne di Villasor ha denunciato ieri un episodio molto particolare ai carabinieri della locale Stazione, che hanno poi trasmesso un’informativa di reato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari. Nella mattinata di ieri essendo andato a dar da mangiare al proprio cane di razza ROTTWEILER che tiene libero a vigilare un terreno di sua proprietà, completamente recintato con rete metallica, l’uomo ha trovato l’animale con una brutta e strana ferita al muso, grave ma non mortale. I successivi esami veterinari compiuti presso un ambulatorio di Uta hanno determinato la compatibilità delle lesioni con quelle producibili da una motosega. Nel difendere il proprio territorio il cane ha verosimilmente attaccato qualcuno che girava con una motosega, forse perché diretto a far legna o forse perché quel cane non gli stava troppo simpatico per qualche situazione pregressa. I carabinieri ora indagano per ricostruire l’episodio.


Ieri ad Arbus, a conclusione di un’attività d’indagine scaturita a seguito della denuncia querela presentata da un 45enne del luogo, i carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per truffa aggravata, un trentatreenne di Torino noto alle forze dell'ordine ed un trentenne di Collegno anch’egli con precedenti denunce a carico. L'attività d’indagine posta in essere dai militari ha consentito di accertare che i due, in concorso tra loro, con artifizi e raggiri, avevano convinto il denunciante a versare €750 sulla loro carta prepagata, rilasciata da una nota azienda bancaria, quale corrispettivo per l'acquisto di due trabattelli in alluminio e una betoniera messi in vendita on-line in un gruppo Facebook denominato “vendita attrezzi e attrezzature da lavoro”. Come prevedibile, dopo il pagamento la merce non è mai pervenuta alla vittima che in maniera disaccorta si era voluta fidare. I militari hanno ricostruito il movimento del denaro e l’identità di chi si era avvantaggiato dal raggiro anche grazie alla collaborazione delle filiali bancarie interessate.

a Sestu, Sinnai e Selargius, i carabinieri delle locali Stazioni, unitamente a personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro dell’Arma e del NAS di Cagliari, nel contesto di un servizio coordinato in ambito Compagnia finalizzato al contrasto dello sfruttamento lavorativo e delle violazioni igienico-sanitarie nei locali notturni, hanno sanzionato, in ordine all’impiego di lavoratori in nero con conseguente sospensione dell’attività imprenditoriale, una 27enne domiciliata a Sestu, amministratrice unica della società che gestisce un noto ristorante, in relazione alla riscontrata presenza di n. 3 (tre) lavoratori in nero, con sanzioni pecuniarie amministrative per un totale di euro 13.300,00 (tredicimilatrecento) e conseguente sospensione dell'attività lavorativa. Un altro esercizio di ristorazione è stato sanzionato per “attivazione di un’attività commerciale priva di specifica autorizzazione” e mancato rispetto di alcune procedure aziendali previste dal manuale HCCP. Le sanzioni in questo caso sono arrivate a 30 mila euro. Sono state riscontrate anche problematiche igienico-sanitarie legate alla gestione degli alimenti, ne è conseguito il sequestro amministrativo della stessa attività e delle attrezzature della piccola impresa, per un valore complessivo di euro 100.000,00 (centomila). Nell’ambito del medesimo servizio sono stati controllati: • 42 (quarantadue) veicoli; • 67 (sessantasette) persone, di cui 2 (due) contravvenzionate per violazioni del codice della strada. Una 38enne cagliaritana è stata deferita in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per guida in stato di ebbrezza alcolica. Mentre era alla guida della propria autovettura Ford, la donna è stata sottoposta a test alcolemico, evidenziando un tasso alcolico di 0, 98 g/l, quasi il doppio del massimo consentito. La patente di guida le è stata ritirata dal personale operante, mentre l'autovettura è stata affidata al medesimo proprietario.

Nota Stampa del COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI CAGLIARI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna